messina

Negozi obbligati
alla differenziata

Previsto un giro di vite per i commercianti che saranno obbligati a differenziare i rifiuti. Dal 29 agosto scatta il porta a porta a Salice

Al via la raccolta differenziata porta a porta

Sette ore di riunione all'indomani del Ferragosto. Gli stati generali dei rifiuti a Palazzo Zanca per andare oltre il quotidiano e programmare la raccolta del dopo estate.

La prima importante novità riguarderà i commercianti. Dal composito tavolo è emersa la necessità di regolarizzare il conferimento dei rifiuti degli esercizi specie del centro città.

In base ai calcoli di MessinaAmbiente, nell'area che va da Boccetta a Viale Europa, la metà dei rifiuti che finiscono nei cassonetti è prodotto proprio dai negozi e dagli uffici di quell'area. Dall'umido agli imballaggi, una quantità significativa di rifiuti che occupano spazio destinato ad altro tipo di materiale e che per giunta non viene smaltito nella differenziata.

Per questo a Palazzo Zanca si sta lavorando ad una ordinanza del sindaco con la quale obbligare i commercianti a gettare i rifiuti in maniera più organica.

Sarà prevista, una sorta di escalation anche delle eventuale sanzioni per coloro i quali non rispettassero l'ordinanza sindacale.

Una necessità, quella dall'azione sanzionatoria, per cercare di accelerare i tempi di un'azione che la stessa regione siciliana ha sollecitato nelle scorse settimane.

Ma la riunione fiume di ieri è servita anche per dare una risposta all'azienda sanitaria provinciale che aveva lanciato l'allarme per la situazione dei rifiuti. Per due volte l'Asp aveva scritto al Comune, a metà luglio e ad inizio agosto rilevando una criticità tale da muovere l'azione della magistratura. Per le vie brevi, e due settimane dopo la segnalazione, all'azienda sanitaria è stato testimoniato il superamento della crisi.

Un'altra ordinanza che verrà presto sfornata dal Comune sarà quella che riguarderà il divieto di gettare i rifiuti nei giorni prefestivi. Le chiusure della discarica e a necessità di recuperare il carico settimanale, impone uno stop, almeno di legge, il sabato. Presto, dunque, spazzatura in balcone nella notte fra sabato e domenica per le famiglie messinesi con la raccolta nei cassonetti che sarà ridotta a sei giorni su sette.

E poi c'è la differenziata. Finalmente sono arrivati i kit da consegnare alle famiglie dei villaggi pilota e quindi si potrà partire con il porta a porta.

Il battesimo toccherà a Salice dove 300 famiglie circa faranno da apripista.

Domenica prossima, nel salone parrocchiale, avverrà con l'aiuto di un paio di consiglieri di circoscrizione, la consegna dei contenitori per la differenziata che satterà il 29 di questo mese, contestualmente, anche se gradatamente, verranno tolti i cassonetti ordinari e per Salice scatterà il momento del porta a porta al 100 %.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi