MESSINA

Rifiuti, fine deroga

Il nuovo accordo con la società che gestisce il sito di Motta S.Anastasia prevede che da oggi si possano conferire 250 tonnellate di rifiuti ma potrebbe non bastare. Intanto oggi riunione a Messinambiente per mettere a punto i servizi straordinari in vista della processione della Vara.

Rifiuti, fine deroga

Non era difficile immaginarlo ma come si prevedeva alla scadenza dell'accordo con l'assessorato regionale all'Ambiente e con Oikos la società che gestisce la discarica di Motta S.Anastasia, non è stato possibile uscire dall'emergenza rifiuti. Nonostante gli sforzi di Messinambiente, coadiuvata da assessorato comunale all'Ambiente e protezione civile, la città è ancora sporca, la spazzatura fa da cornice ai cassonetti spesso regolarmente svuotati e discariche abusive continuano a sorgere tanto in centro quanto in periferia. Nella sede di Messinambiente le richieste d'intervento giungono un po' da tutte le zone della città e non è possibile esaudirle tutte. Spesso non si fa in tempo a ripulire una zona che viene nuovamente invasa dai rifiuti. E' il caso di contrada Campanella ad Orto Liuzzo oggi tornata ad essere stracolma d'immondizia nonostante gli interventi di sabato. Situazioni complesse anche in pieno centro. Nei giorni scorsi abbiamo mostrato il viale Giostra, strada di passaggio per quanti dagli imbarcaderi privati raggiungo l'autostrada, ma non va meglio nella zona di viale Boccetta, vicino alla chiesa di Pompei, via Osservatorio, san Giovanni Decollato ma dall'estrema periferia sud a quella nord sono tantissime le emergenze che ci segnalano i telespettatori. Ma parlare di emergenza è ormai un controsenso visto che questa sta diventando la normalità. Messinambiente continua a cercare soluzioni. L'assessore Ialacqua si aggrappa ad una differenziata partita solo in pochi quartieri. Intanto scaduta la deroga per il conferimento in discarica di 350 tonnellate di rifiuti si è trovato un accordo con Oikos per conferirne 295 tonnellate. Un palliativo che non servirà a risolvere la situazione. Ma a Messinambiente si cercano rimedi. Stamattina si è svolto un nuovo vertice con il commissario Calabrò, il direttore tecnico Lisi ed i caposervizio. Sul tavolo i servizi straordinari previsti per la processione della Vara, la passeggiata dei giganti e le tante feste religiose di questo periodo. E, intanto, continuiamo a convivere con tonnellate di spazzatura spesso gettata fuori orario da persone incivili come quelle che abbandonano agli angoli delle strade mobili e suppellettili.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi