Patti

Una ferrovia turistica
nell'area della riserva

Dalle grotte di Mongiove fino ai laghetti d’acqua salmastra, ai piedi del colle sacro di Tindari, passando per l’incontaminata spiaggia di Valle. Interlocuzione tra amministrazione comunale e Regione

Una ferrovia turistica nell'area della riserva

Una ferrovia turistica che attraversi l’intera riserva di Marinello, dalle grotte di Mongiove fino ai laghetti d’acqua salmastra, proprio ai piedi del colle sacro di Tindari, passando per l’incontaminata spiaggia di Valle. Idea percorribile o utopica suggestione? Prendiamo per buona la prima ipotesi, anche perché nei mesi scorsi le interlocuzioni dell’amministrazione in carica con i vertici regionali non sono mancate e sembra che il progetto sia piaciuto parecchio; talmente tanto da far lavorare in sinergia tre assessorati: Infrastrutture, Beni culturali e Turismo. L’obiettivo consisterebbe nell’utilizzare a fini turistici la vecchia linea ferrata ormai in disuso, ma perfettamente funzionante, che collega i comuni di Patti e Oliveri, prevedendo tre fermate intermedie: Mongiove, Valle di Tindari e Laghetti di Marinello. (g.g.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto