Dopo il rogo

Calatabiano, ripartito il by pass

A 40 ore dal rogo che ha distrutto buona parte della condotta alternativa del Fiumefreddo, i tecnici dell'Amam hanno ripristinato prima un tubo da 315mm di diametro e in nottata un altro da 400mm. L'acqua è giunta ai serbatoi della rete comunale poco prima dell'alba. Oggi la distribuzione ma non senza problemi che scaturiranno dalla forte richiesta

Calatabiano, ripartito il by pass

Hanno lavorato incessantemente per oltre 24 ore una volta che sul posto sono giunti i materiali da innestare. Encomiabile l'opera delle maestranze dell'Amam coordinate dagli ingegneri Giovanni Barone e Francesco Cardile. Sul posto, a più riprese negli ultimi due giorni, anche il presidente della partecipata, Leonardo Termini e l'assessore comunale ai LL.PP., Sergio De Cola. La prima parte del by pass è stata ripristinata con tubi in polietilene, uno da 315mm (operativo dalle 21.30 di ieri) e uno da 400 (operativo dalle 3.40). Insieme possono far giungere alla rete comunale una portata di circa 450 lt/s. Con l'apporto dell'Alcantara che al momento è sui 250 lt/s si ripristina la stessa portata precedente all'incendio. L'acqua è arrivata all'alba in città e oggi si potrà effettuare una migliore erogazione. Intanto ieri sera è stata  effettuata una prima distribuzione nella zona nord con le scorte. Solo a Torre Faro avverrà da questa mattina a partire dalla 8.30. La zona un po' più sacrificata, invece, potrebbe essere quella del centro città. E' chiaro che, sulle scorta di quanto accaduto nel recente passato, la forte richiesta da parte dell'utenza finirà per creare, inevitabilmente, dei problemi in alcune zone collinari e nei piani alti di alcuni palazzi. Se la portata del Fiumefreddo con l'apporto dell'Alcantara si confermerà anche oggi sui 750 lt/s, nel giro di due-tre giorni al massimo, si può prevedere il ritorno alla normalità

Commenti all'articolo

  • luciano

    25 Luglio 2016 - 14:02

    Niente di niente zona Don Orione-Via La Farina. Come si fa a non rilevare che tale area è perennemente con l'acqua razionata e penalizzata per favorire i grossi complessi che dispongono di migliaia di litri di acqua ? Questa zona centrale che non dispone di grossi serbatoi di accumulo continua a subire siccità da anni. In fondo è abitata moltissimi anziani e pensionati...possono anche morire !!!

    Rispondi

  • Caputo Basilio

    25 Luglio 2016 - 11:11

    Salve........zona Boccetta - accanto Archimede da 3 giorni senza, ancora niente. Distribuzione lenta, ma così diventa lentissima. Grazie!!!!!!

    Rispondi

  • ravol

    25 Luglio 2016 - 07:07

    Alle 8, ancora nulla nella zona di v.le Principe Umberto.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi