Messina

Nuova speranza di vita
per cinque pazienti

Grazie al gesto di un uomo di 65 anni, ricoverato al Policlinico, che ha donato gli organi

Policlinico Messina

Il Direttore Generale dell’A.O.U. G. Martino di Messina, Dott. Marco Restuccia, a pochi giorni dal toccante gesto di altruismo della giovane Lorena Mangano e dei suoi familiari, esprime il suo commosso ringraziamento ad un altro paziente che ha contribuito, con la donazione degli organi, ad assicurare una speranza di guarigione e di vita  a cinque sconosciuti pazienti siciliani.
Questo nuovo eroe silenzioso, ha infatti saputo, ancora una volta, dimostrare con i fatti, come sia possibile, attraverso il consenso alla donazione, operare una “scelta per la Vita” che possa addirittura apparire più forte della sconfitta terapeutica e della morte stessa.
Il Sig. Giuseppe F. di 65 anni,  nella notte del 12 luglio, è giunto al Pronto Soccorso Generale in condizioni disperate per una gravissima emorragia cerebrale. Sottoposto ad un delicatissimo intervento neurochirurgico è stato quindi  ricoverato presso la U.O.C. di Anestesia e Rianimazione dell’A.O.U.  G. Martino di Messina.
All’alba del 15 Luglio, tuttavia, la gravità del quadro clinico ha costretto i rianimatori a diagnosticare un’inesorabile evoluzione verso la morte cerebrale.
Con ammirevole slancio i familiari del Sig. Giuseppe  hanno subito deciso di aderire alla proposta di donazione formulata dai sanitari, anche interpretando la volontà del loro congiunto, da sempre impegnato a sostenere attivamente iniziative volte alla solidarietà e all’accoglienza.
Si è pertanto prontamente attivata la complessa macchina organizzativa che coinvolge un’ intricata rete di professionalità. Tra queste: l’U.O.C. di Anestesia e Rianimazione,  la Direzione Sanitaria, il Coordinamento Aziendale per la Donazione e i Trapianti d’Organo, il Centro Regionale Trapianti, il Centro Nazionali Trapianti e i Centri Trapianto.
Alle ore 23.30 del 15 Luglio una macchina della Croce Rossa con a bordo i chirurghi dell’ISMETT da Palermo è giunta al Policlinico di Messina e già alle prime luci dell’alba gli interventi di trapianto erano stati avviati. Così tre pazienti siciliani hanno subito beneficiato di questo nuovo encomiabile gesto di generosità. 
In particolare: un uomo di 50 anni,  all’ISMETT di Palermo, ha ricevuto il fegato. I due reni sono stati trapiantati a due pazienti da due diverse équipes: il dx ad un uomo di 63 anni presso l’Ospedale Civico di Palermo, il sinistro ad un uomo, anch’egli di 63 anni, presso il Policlinico di Catania.
Per tutti  risulta, al momento,  che il decorso postoperatorio si stia svolgendo in modo soddisfacente.
Le due cornee, infine, sono state inviate all’Ospedale Civico di Palermo per essere poi trasferite alla Banca degli Occhi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi