Messina

Bomba carta e scritte ingiuriose a Palazzo Zanca

Nella notte, intorno alle 2, una forte esplosione all'interno dell'atrio del Municipio. Imbrattato il muro esterno e lasciata una testa di capretto sul cancello

Bomba carta e scritte ingiuriose a Palazzo Zanca

L'episodio increscioso si è verificato alle due della notte appena trascorsa ad opera di balordi. Prima la scritta sul muro esterno di Palazzo Zanca, subito dopo l'esplosione di una bomba carta, lanciata nell'atrio. Sul cancello d'ingresso lasciato uno scheletro della testa di un capretto. Il vigile urbano che era di turno al corpo di guardia prontamente ha inseguito due persone, che si sono dileguate. Al vaglio le immagini del sistema di videosorveglianza. "Non escludo che possa trattarsi di azione criminale legata allo sgombero di ieri alla Casa del portuale", commenta a caldo il comandante della Polizia municipale Calogero Ferlisi intervenuto sul posto. Ma non si escludono altre piste.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi