Messina

La Corte dei Conti
conferma bocciatura del Comune

In tarda mattinata la Corte dei conti ha esitato l’atteso provvedimento sul bilancio del comune di Messina del 2014. L’organo di giustizia contabile ha confermato come i conti di Palazzo Zanca non siano ancora in ordine. 12 su 14 le criticità confermate

Palazzo Zanca

A poco sono servite le controdeduzioni fornite un paio di settimane fa dal neo assessore al bilanci Luca Eller, dall’ex Guido Signorino e dal Direttore generale Antonio Le Donne.

La corte dei conti, dopo la severa relazione del magistrato istruttore che aveva evidenziato ben 14 criticità nel bilancio del comune di Messina, conferma nella sua deliberazione 12 di queste emergenze.

La corte punta l’indice sui conti delle Partecipate, sui  debiti fuori bilancio, sulla profonda discrasia fra quelli riconosciuti  e quelli stimati, sui ritardi nella presentazione dei documenti di programmazione  e da sessanta giorni per appianare le criticità.

Confermata anche il divieto al Comune di Messina di poter effettuare spese che non siano strettamente previste dalla legge, lasciando all’Amministrazione però il compito di individuare responsabilmente, le spese interessate all’inibizione.  Rinviata la valutazione sugli effetti dei correttivi  proposti dalla Giunta nell’ambito del piano di riequilibrio decennale che è sempre all’esame del Ministero dell’Interno.

GLI APPROFONDIMENTI DOMANI NELLA NOSTRA EDIZIONE CARTACEA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto