Mondiale Motocross

Cairoli: «Penso già alla Spagna»

All’indomani del netto successo nel Gp d’Italia, il secondo consecutivo. Al pattese torna il sorriso: «La spalla migliora, non vedo l’ora di tornare in pista»

Cairoli: «Penso già alla Spagna»

È un Tony Cairoli diverso quello che al termine del Gran Premio d’Italia si concede ai microfoni. Sicuramente felice, con il viso disteso e rinfrancato nello spirito grazie anche allo splendido risultato ottenuto nella gara di casa.
Il week-end ad Arco di Trento con i propri sostenitori, gli autografi, il paddock pieno di amici aumentano le responsabilità che nonostante l’esperienza possono giocare brutti scherzi anche a chi è abituato alle pressioni di uno sport ad alto livello, emozioni e splendidi risultati. La settimana scorsa dopo il successo in Germania avevamo scritto: “Tony Cairoli è tornato”.
La parentesi di quasi un anno costellato da infortuni che ha tenuto lontano dai campi di gara il campione sta lentamente lasciando il passo a una ripresa generale e graduale che lo riappacifica con se stesso e con la sua professione. Soprattutto è tornato quel sorriso che è mancato, quello vero non quello di circostanza. «A Pietramurata ho vissuto un bellissimo weekend. Un’altra vittoria portata a casa, uno splendido Gran Premio, un successo conquistato nel G.P. d’Italia dov’è sempre difficile esprimersi al meglio».
Ecco, il primo obiettivo è centrato: dopo il trionfo a Teutchenthal il campione è riuscito nell’intento di ripetersi. Insomma Cairoli c’è... e il modo come si è posto nell'intervista lascia intendere che la vittoria di Pietramurata è più importante di quella ottenuta in Germania. Per se stesso, per il Team che abbandona qualsiasi nube profilata in un orizzonte di undici mesi di astinenza alla vittoria, per i tifosi che non hanno mai smesso di credere in lui ma soprattutto per gli avversari.
Perché adesso è certo, anzi conclamato: per vincere il Mondiale bisognerà fare i conti anche con Tony, il pilota di Patti, che con molta umiltà non si è nascosto dietro gli otto titoli iridati vinti ma ha saputo aspettare, allenandosi con professionalità, supportato da un gruppo collaudato com’è quello del Team Manager De Carli.
E poi: «Abbiamo fatto due belle gare e siamo contenti così. Adesso guardiamo avanti in vista del prossimo Gran Premio in Spagna tra due settimane. Saremo ancora più pronti perché la spalla è migliorata, anche la condizione fisica è in crescita, non vedo l’ora di tornare in pista. Sempre forza Italia».
È il ritorno del campione, sempre misurato e paco nelle parole, che lancia proclami silenzioni: non vedo l’ora di tornare in pista, la spalla sta meglio, la condizione fisica è migliorata, insomma il miglior Cairoli ancora non si è visto. Conoscendolo, siamo certi che se avesse potuto si sarebbe già prenotando per la pole del sabato. In Spagna, poi, tranne in qualche sporadica occasione, Cairoli ha sempre centrato il podio.
Per i tanti supporter che lo hanno seguito per anni, quindi, il messaggio è il seguente: «Lo spettacolo è tornato». Il confronto con talenti del motocross internazionale come Tim Gajser (Honda) e Romain Febvre (Yamaha) che lo precedono nella classifica generale provvisoria si prospetta incandescente. Gajser e Febvre sono piloti di altissimo livello, il pattese però è ancora il più forte e titolato riders in attività. Cairoli ha costruito bene la sua carriera che vanta un’esperienza decennale nel confronto con avversari di rango.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi