Messina

Il consigliere Paolo David
cercava voti per Rinaldi e Genovese

Per se stesso invece l'ex capogruppo del Pdl Pippo Capurro. Paolo David avrebbe procurato voti per gli onorevoli Genovese e Rinaldi in cambio di borse della spesa ma anche assunzioni trimestrali

Il consigliere Paolo David cercava voti per Rinaldi e Genovese

Il questore Giuseppe Cucchiara ha chiarito che i due onorevoli sono stati sentiti ma non erano consapevoli che i voti provenivano da ambienti malavitosi e non sono nemmeno indagati. 

"La novità - ha detto il procuratore capo Guido Lo Forte - sono le promesse di assunzioni trimestrali in strutture compiacenti, fra queste quelle sanitarie di Giuseppe Picarella.

Le indagini hanno appurato che l'ostacolo al libero esercizio al voto si avvenuto per le politiche del 2013, le regionali del 2012 ma anche le amministrative del 2013, quando interferenza sono avvenute sin dalla primarie del Pd ma non in occasione del ballottaggio. 

ecco un passaggio del comunicato della Questura:

"In particolare mediante un diffuso e capillare sistema clientelare ostacolavano il libero esercizio del diritto di voto degli elettori, procurando voti a RINALDI Franco, GENOVESE Francantonio e DAVID Paolo in occasione delle consultazioni elettorali per il rinnovo del consiglio regionale del 28-29 ottobre 2012, delle elezioni politiche del 24-25 febbraio 2013 e delle elezioni amministrative per il rinnovo del consiglio comunale di Messina del 9-10 giugno 2013, in cambio di utilità di varia natura: somme di denaro, generi alimentari, assunzioni presso strutture sanitarie, agevolazioni per il disbrigo di pratiche burocratiche ed altro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto