Messina

In scena “Il bugiardo” di Goldoni

In scena “Il bugiardo” di Goldoni

Al Teatro Vittorio Emanuele di Messina da giovedì 28 aprile alle 21 con repliche venerdì 29 alle 21:00 e sabato 30 alle 17:30, in scena “Il bugiardo” di Carlo Goldoni. Regia di Giorgio Bongiovanni, produzione E.A.R. Teatro Di Messina.


“Il bugiardo” di Carlo Goldoni è una commedia ispirata alla “Verdad sospechosa”, dello spagnolo Juan Ruiz de Alarcón. Uno spettacolo per ridere dei bugiardi da commedia e del sottile confine tra verità e finzione. Sullo sfondo di una Venezia da favola, una serenata tra i canali innesca l’inarrestabile catena di menzogne che Lelio, come i bugiardi di ogni tempo, usa per mutare l’inganno in realtà.

Note di regia di Giorgio Bongiovanni:
Nella commedia recitata in una sera di primavera del 1750 a Mantova, Goldoni non presentò certo al pubblico un personaggio del tutto nuovo: già un secolo prima Alarcón e Corneille avevano posto in scena figure di impenitenti bugiardi; per non parlare dei modelli omerici che avevano esaltato le menzogne di Odisseo come segno di raffinata intelligenza.
D’altra parte da sempre, in diversi campi dell’attività umana, dall’amore alla politica, dal commercio all’amicizia, dalla finanza fino (ovviamente) alla pubblicità, menzogna e verità sono sempre state separate da un unico, sottilissimo, labile confine.
Ne Il bugiardo di Goldoni si capovolge lo schema morale dell’intreccio con la perdita del giudizio moralistico nei confronti della menzogna. Lelio, il bugiardo, diventa simpatico, estroso e geniale nelle sue invenzioni. Il pubblico finisce per parteggiare per lui anche quando, alla fine, viene smascherato. È indicativo, a tal proposito, che Goldoni abbia deciso, nella terza edizione della commedia, di eliminare il Bargello, il capitano di polizia che arrestava Lelio per le sue malefatte, quasi a salvarlo dalla punizione, contrariamente a quanto da sempre avviene nel mito di Don Giovanni. Il dissoluto punito non riesce infatti, nonostante il suo disprezzo per il Cielo, a scampare alla condanna divina e alle fiamme dell’inferno; mentre Lelio, moderno Don Giovanni, farabutto e senza scrupoli, pur smascherato nelle sue nefandezze, se ne va impunito, senza soccombere ad un giudizio morale, né umano né divino.
La menzogna esercita fascino e simpatia, l’ingiustizia non viene punita. Tutti coloro che ne sono coinvolti la condannano, ma chi sta fuori a guardare la scena si diverte alle rocambolesche invenzioni del malvagio imbroglione. Il pubblico dovrebbe, teoricamente, avvertire un senso di disagio assistendo all’ultima scena, in cui si ritrova a simpatizzare con un ignobile farabutto che l’imperativo morale vorrebbe invece odioso. Goldoni sembra suggerirci che, probabilmente, questa simpatia verso il criminale, il maledetto, il pirata, è qualcosa di connaturato all’umano. Proprio come in Don Giovanni, il male è più attraente del bene.
Ma mentre nel mito di Don Giovanni interviene il divino a punire il malvagio e ristabilire la giustizia, in Goldoni (almeno nel Goldoni riformatore), al di là delle manierate battute finali per salvare le forme, in fin dei conti il male trionfa, o quantomeno non viene punito. Non si tratta di una adesione morale o un elogio del male, ma di una presa d’atto, di una raffigurazione della realtà e dell’umano con occhio disincantato, senza falsi moralismi e soprattutto senza il ricorso a una soluzione divina.
Questa è la vera riforma goldoniana: il Teatro descrive l’umano, il Mondo come è, non come dovrebbe essere o, addirittura, come vorremmo che fosse. L’uomo è fatto così: sarà male, sarà ingiusto, ma è così.
Noi tutti, sembra riflettere Goldoni, spettatori nel Teatro del Mondo, siamo attratti dall’ignobile menzogna, dall’offensiva ingiustizia, ma solo finché non ne siamo toccati. Se non siamo coinvolti ci divertiamo un mondo allo spettacolo del mentitore; ma quando tocca a noi, come ai personaggi sulla scena, ci arrabbiamo, ci indigniamo e siamo pronti a reclamare le più atroci pene per i bugiardi.


Il bugiardo
di Carlo Goldoni
Regia di Giorgio Bongiovanni
Scene e costumi di Carla Ricotti
Musiche di Marco Mojana
Luci di Renzo Di Chio
Maschere dei Sartori
Regista assistente Bianca D'Amato
Assistente alle scene e ai costumi Ilaria Ariemme
Produzione E.A.R. Teatro Di Messina

Il Dottor Balanzoni Tommaso Minniti
Rosaura, sua figlia Maria Laila Fernandez

Beatrice, sua figlia Roberta Catanese
Colombina, loro cameriera Carmen Panarello
Ottavio, amante di Beatrice Luca Fiorino

Florindo, amante di Rosaura  Gabriele Furnari Falanga

Brighella, suo confidente          Tommaso Minniti

Pantalone, padre di          Leonardo de Colle
Lelio, il bugiardo     Angelo Campolo
Arlecchino, suo servo          Enrico Bonavera
Un vetturino napolitano          Lorenzo Pizzurro
Una giovine di mercante       Adriana Mangano
Un portalettere                          Simone Corso 
Suonatori  Ilenia Giorgianni;  
Raimonda Ruginyte
   
 Sonia Zanetti 


Teatro Vittorio Emanuele
Giovedì 28 aprile ore 21:00, venerdì 29 aprile ore 21:00, sabato 30 aprile ore 17.30

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi