Messina

Tremestieri, sarà l’Authority la nuova stazione appaltante

Mentre il Provveditorato opere pubbliche ha reperito ulteriori fondi. Adesso per il porto mancano solo 6,5 milioni ma il percorso è delineato

Porto Tremestieri, il decreto alla firma di Delrio

La ricerca dei fondi è essenziale ma la novità più importante, emersa al termine del vertice svoltosi ieri a Palermo nella sede dell’assessorato regionale dei Trasporti e Infrastrutture, è che la stazione appaltante dei lavori di costruzione del nuovo porto di Tremestieri sarà l’Autorità portuale e non più il Comune. La decisione è ormai imminente e verrà ufficializzata nei prossimi giorni. Palazzo Zanca, in questa fase, ha ben altre gatte da pelare e, d’altra parte, come sottolinea l’assessore Sergio De Cola, «oggi quello che conta è realizzare l’opera nell’interesse superiore della città, importa poco o nulla chi sia il soggetto incaricato di bandire la gara». Trattandosi di porto, oltretutto, rientra pienamente nelle competenze dell’Authority, che potrebbe anche integrare le ultime risorse mancanti con propri fondi.

E veniamo proprio alla questione dei denari. Ieri, al tavolo al quale hanno preso parte il sindaco Accorinti e De Cola, il segretario generale dell’Autorità portuale Francesco Di Sarcina, dirigenti e funzionari dell’assessorato regionale delle Infrastrutture e il deputato nazionale messinese Enzo Garofalo, nella sua veste anche di componente della Commissione Trasporti, si è presentato il responsabile del Provveditorato opere pubbliche per la Sicilia e la Calabria. L’ing. Carlea ha annunciato il reperimento di 6 milioni e mezzo di euro (ricavati da una delibera del Cipe del 2009 e immediatamente disponibili), altro tassello del complesso mosaico che finora vede il coinvolgimento del Ministero dei Trasporti (che ha stanziato 28 milioni), della Regione siciliana (16 milioni), dell’Autorità portuale (15 milioni). E siamo, dunque, a 66,6 milioni di euro, ne mancherebbero altri 6,5. La speranza è che il Governo nazionale metta ulteriormente mano al portafoglio, anche perché in fondo si tratta di somme che erano state già previste per il porto di Tremestieri, considerata opera infrastrutturale di interesse nazionale. Se la nuova missione dei rappresentanti del Comune e dell’Authority a Roma non dovessere sortire esiti positivi, in ogni caso l’Autorità portuale starebbe già valutando l’ipotesi di integrare le somme con propri fondi, soprattutto nell’ottica di poter gestire l’opera come nuova stazione appaltante. «Noi speriamo che lo Stato completi la dotazione finanziaria del nuovo porto – afferma Di Sarcina –, perché da parte nostra avevamo già previsto un intervento al fine di realizzare il Centro direzionale servizi che non rientra al momento nell’appalto». Da parte loro, Accorinti e De Cola si dicono fiduciosi: «Dovremmo a breve chiudere il cerchio e passare finalmente alla fase operativa».

Commenti all'articolo

  • luiben

    16 Aprile 2016 - 12:12

    Penso che invece di buttare soldi nella sabbia di Tremestieri il Comune potrebbe donare all'Autoriti il progetto della contro-falce (in punti già storicamente utilizzati per l'approdo) che è già pronto da anni (progetto studio Cantisani) e chiedere che si costruiscano le nuove banchine esterne al porto d Messina per poi riprendere anche il progetto della strada del mare.....

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi