Isole minori

Crisi idrica alle Eolie
Federalberghi insorge

Sul banco degli imputati il presidente della Regione Rosario Crocetta. Il nodo irrisolto del dissalatore

Crisi idrica alle Eolie Federalberghi insorge

"Le dichiarazioni del Presidente della Regione Sicilia, Rosario Crocetta, sullo scandaloso mancato funzionamento del dissalatore del Comune di Lipari, oltre a darci l'ennesima prova dell'inefficacia della macchina Regionale e dei meccanismi politici che, di volta in volta, la reggono ci lascia alquanto perplessi". Lo afferma il presidente di Federalberghi Isole Eolie e Isole Minori della Sicilia, Christian Del Bono. "Riteniamo inaccettabile - ha aggiunto - che nonostante le nostre diffide, denunce e, abbondantemente manifestate e reiterate, preoccupazioni, il problema esploda soltanto adesso, proprio in apertura della stagione estiva, attraverso un indecoroso scarica barile, e che solo ora il Governatore Crocetta ritenga opportuno convocare (tardivamente aggiungiamo) le parti interessate per accertare dove siano le evidenti e note a tutti inadempienze. Il Presidente Crocetta ha ragione nell'affermare che non si possono spendere 60 milioni di euro ed essere ancora in emergenza idrica, ma di tale situazione ne erano tutti a conoscenza già dallo scorso anno". "Sicuramente - ha concluso Del Bono - non resteremo a guardare e abbiamo conferito mandato al nostro legale per porre in essere tutte le azioni utili a tutela dei nostri diritti, certi che questi non debbano dipendere né dalla forza politica di un territorio rispetto al Governatore o all'Assessore di turno né dal fatto che il Presidente Crocetta possa trovarsi casualmente in vacanza alle Eolie per Pasqua". (AA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi