Messina

Accorinti: vogliono eliminarci a ogni costo

La posta elettronica del sindaco “spiata”. «Stuprate le Istituzioni, la Città». Indagini serrate della Polpost. Mano diversa dagli hacker

Accorinti: vogliono eliminarci a ogni costo

Chi spiava tutte le comunicazioni presenti nella posta elettronica del sindaco di Messina, Renato Accorinti?

La risposta all’inquietante interrogativo, al centro già dal 26 gennaio delle indagini delegate dalla Procura alla Polizia postale, non è di poco conto per le Istituzioni, incarnate in questo caso dal primo cittadino, nonché per la dignità, l’immagine, il rispetto della democrazia, i diritti individuali a Messina. 

Il sindaco Accorinti, intanto, apre l’anima ad un’indignata reazione: «È un atto vile e ignobile, è come se ti rubano in casa, ti senti violentato. Ma ad essere davvero stuprate sono le Istituzioni, è l’intera Città. L’opposizione contro di noi, anche la più dura, è legittima e io ne ho grande rispetto. Perfino gli insulti rivoltimi pubblicamente, mi lasciano sereno. Ma qui la cosa è molto diversa, c’è la condotta di chi vuole eliminarci ad ogni costo, s’illude forse di trovare scandali o collusioni. Ma qui non ce n’è, non s’illuda, noi abbiamo sempre scherzato sul fatto che se qualcuno ci spiasse, dovrebbe mettere gli altoparlanti, ci farebbe un favore».

L'approfondimernto nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto