Milazzo

Novemila famiglie sfrattate
La precarietà è dramma sociale

Un terzo dei residenti nella città del Capo colpiti da provvedimenti. A disposizione del Comune un contributo irrisorio di 14mila 311 euro

Novemila famiglie sfrattate  La precarietà è dramma sociale

Nella città del Capo nel 2015 sono state 9.009 le famiglie “colpite” dallo sfratto. Una cifra record, seconda solo a Barcellona che è in testa in questa graduatoria con 11.318 nuclei familiari che hanno dovuto lasciare l’immobile. Inoltre, sempre a Milazzo un proprietario su due denuncia mensilità non pagate a causa della crisi. E molti sono costretti a sfiancanti azioni giudiziarie per riavere non tanto i soldi quanto la disponibilità del proprio immobili. Una situazione veramente paradossale che conferma come la crisi, al di là delle dichiarazioni degli ottimisti sia incalzante.

Dalle istituzioni – già loro stesse in grave crisi – contributo pressoché nullo, anzi tra tasse e tributi si finisce spesso col dare il colpo di grazia sia alle attività imprenditoriali sia agli stessi privati. L’unica “consolazione”, ammesso che possa chiamarsi tale, è il contributo che ogni anno viene messo a disposizione dalla Regione in favore di coloro che hanno ricevuto lo sfratto esecutivo nel 2015 per “morosità incolpevole”. Con tale termine si intende una situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone di locazione a causa della perdita o della consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare dovuta ad una delle seguenti cause: perdita del lavoro per licenziamento, riduzione dell’orario di lavoro, cassa integrazione, mancato rinnovo di contratti a termine, cessazioni di attività libero professionali o di impresa e malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato una notevole riduzione del reddito del nucleo medesimo anche per sostenere costose spese sanitarie.

Alla Sicilia è stata assegnata dal ministero una dotazione di 1.326.472,11 euro per il 2015, ripartiti al 50% tra comuni capoluogo e comuni ad alta densità abitativa, tenendo conto del numero delle famiglie residenti nei comuni. La Regione – assessorato alle Infrastrutture – ha approvato le linee guida per assegnare queste risorse dando ai Comuni il compito di predisporre le graduatorie degli aventi diritto alle somme relative al 2015. La somma assegnata a Milazzo ammonta a 14.311,98 euro.

Commenti all'articolo

  • skipper65

    09 Marzo 2016 - 18:06

    vero o non vero il comento del numero degli sfratti ....la somma asegnata e veramente effimera.

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi