Messina

Ancora romana in un giardino di Galati

Era stata conservata negli ultimi decenni da un pescatore della zona, oggi scomparso.

 
Ancora romana in un giardino di Galati

Un ceppo d’ancora in piombo con cassetta rettangolare, priva di perno di fissaggio, databile sulla base del materiale in cui è realizzata entro il II sec.d.C, classificabile in un tipo ampiamente attestato in tutto il mondo antico, è stata recuperata non in mare, ma in un giardino della zona di Galati, nella periferia sud di Messina, ove era stata conservata negli ultimi decenni da un pescatore della zona, oggi scomparso. Ancore analoghe sono state recuperate in tutta l’area dello Stretto (capo Peloro, Torre Faro) e oltre (capo Alì e Milazzo, Punta Mazza) e sono conservate tanto al Museo Regionale che nei depositi della Soprintendenza di Messina. A seguito di segnalazioni pervenute al Comune, l'assessore alle politiche del mare Pippo Isgrò, con la responsabile dell'Unità operativa10 della Soprintendenza ai Beni culturali di Messina, Gabriella Tigano, ha effettuato  il sopralluogo, recuperando il reperto che sarà adesso trasferito all'Arsenale Militare per essere sottoposto a restauro ed essere successivamente esposto a Forte S. Salvatore, grazie alla disponibilità del comandante del Distaccamento Marina Militare di Messina, capitano di vascello, Santi Le Grottaglie, ed all'alta sorveglianza della Soprintendenza. L’ancora di un peso approssimativo di 270 Kg, che originariamente doveva prevedere anche la contromarra come si evince da una prima analisi ricostruttiva, contribuirà alla realizzazione di momenti espositivi dedicati al mare, in un quadro di interventi a San Salvatore ed a palazzo Zanca, nell'ambito di un progetto più ampio per la creazione di un Museo del mare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400