lavori calatabiano

Acqua, mancano i soldi, ruspe ferme

Non potranno essere rispettati i tempi di consegna dei lavori definitivi di messa in sicurezza della collina di Calatabiano. Mancano all'appello 1,8 milioni di euro e per ora le ruspe sono ferme.

Acqua, mancano i soldi, ruspe ferme

Lontano dagli occhi lontano dalla soluzione. La crisi idrica di Messina, quella che ci mise in ginocchio per tre settimane lo scorso autunno, non è stata del tutto superata. Per due ordini di motivi uno legato alla quantità di acqua che arriva in città e l'altro per il ritardo dei lavori di ripristino della condotta.

Una quindicina di giorni fa si sono conclusi a Calatabiano, dove lo smottamento di una collina provocò una interruzione nella condotta del Fiumefreddo, i lavori di somma urgenza avviati dalla Protezione civile e coordinati dal commissario per l'emergenza Calogero Foti.

 Sono stati effettuati i terrazzamenti, azioni per il drenaggio ma ora dovrebbero scattare le opere vere e proprio, quelle definitive che mettano in sicurezza la collina e la condotta che dovrà essere riposizionata nel terreno. Ebbene, quei soldi che servono per completare l'intervento, ad oggi, non ci sono e i lavori sono fermi.  E non si tratta di spicci visto che una valutazione fatta dallo stesso Foti, ammonta a circa un milione  e 800 mila euro. “Serviranno altri dieci giorni, per sapere dove li potremmo andare a trovare”, dice il commissario “ vediamo cosa troveremo nella finanziaria della regione”. Ai tempi della crisi, un milione lo aveva promesso l'assessore Maurizio Croce, e gli altri 800 mila?

Sono previsti tre mesi di lavori, ma ancora deve essere assegnata al progettazione. Dunque la previsione di chiusura del cantiere e il ripristino della condotta definitiva sono costretti a slittare. E quanto? Difficile da prevedere ma di certo la scadenza di aprile non potrà essere rispettata. E comporterà che Messina dovrà accontentarsi di una portata ridotta ancora per chissà quanti mesi. Con l'innesto del quarto tubo sostitutivo l'acqua che arriva in città è scesa di circa 80 litri al secondo rispetto a quando c'era il bypass dell'Alcantara. Questo vuol dire che per ora la distribuzione in città avviene fino al e18 e non più fino alle 19 e che quartieri come il Lombardo, ultimo anello della catena del Mangialupi e quindi sempre un po' più in affanno rispetto ad altri.   

Tornando a Calatabiano un paio di considerazioni vanno fatte. La prima è che con l'attivazione del quarto tubo in kevlar, Amam risparmia 15.000 euro al giorno di acqua dell'Alcantara, la seconda è che da quando a Calatabiano è stata montata la struttura provvisoria, due uomini per tre turni fanno la guardia ai tubi al costo di mille euro al giorno. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi