confronto a messina

Agromafie, Coldiretti: business da 16 mld

I numeri del Rapporto Eurispes-Coldiretti sui crimini agroalimentari in Italia approfonditi a Messina nell'ambito del convegno sul tema della tutela dei nostri prodotti

Agromafie, Coldiretti: business da 16 mld

Associazione per delinquere di stampo mafioso e camorristico, concorso in associazione mafiosa, truffa, estorsione, porto illegale di armi da fuoco, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, contraffazione di marchi. Sono queste le tipologie di illeciti riscontrate con più frequenza da parte delle organizzazioni criminali nel settore agroalimentare, con il business delle Agromafie che ha superato i 16 miliardi di euro nel 2015.

È quanto è emerso nel quarto Rapporto sui crimini agroalimentari in Italia Eurispes-Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell'agricoltura e sul sistema agroalimentare. L'argomento è stato approfondito a Messina nell'ambito del convegno sul tema della tutela dell'agroalimentare: profili giuridici e difesa del consumatore; incontro che si è tenuto nell'aula magna della Corte d'appello è stato promosso dall'avvocato Andrea Caminiti, del foro messinese, insieme con l'Ammi (Associazione mogli medici italiani) presieduta dall'avvocato Francesca De Domenico.

È stato il dottor Alessandro Chiarelli, presidente Coldiretti Sicilia, a soffermarsi in particolare su quanto emerso da quest'ultimo studio. Gli aspetti patologici dell'indotto agroalimentare, come la lievitazione dei prezzi di frutta e verdura fino a quattro volte nella filiera, secondo l'analisi della Direzione investigativa antimafia, sono la conseguenza non solo dell'effetto dei monopoli ma anche delle distorsioni dovute alle infiltrazioni della malavita nelle attività di intermediazione e trasporto.

Il Rapporto Coldiretti mette in risalto anche un efficace sistema di controlli per combattere le agromafie dal campo allo scaffale, con oltre 100 mila effettuati nel 2015. Il valore totale dei sequestri è stato di 436 milioni di euro, di cui il 24% nella ristorazione, il 18% nel settore della carne e salumi, l'11% in quello delle farine, del pane e della pasta. Nel 2015 sono stati chiuse dai Nas 1.035 strutture del sistema agroalimentare con il sequestro di 25,2 milioni di prodotti alimentari adulterati, contraffatti, senza le adeguate garanzie qualitative o sanitarie o carenze nell'etichettatura e nella rintracciabilità. Dai 38.786 controlli effettuati dai Nas nell'ultimo anno sono emerse non conformità in un caso su tre (32%).

Al dibattito hanno preso parte illustri relatori tra cui Raffaele Guariniello, ex sostituto della Procura della Repubblica di Torino, il quale si è soffermato sugli obblighi e le responsabilità in materia di sicurezza alimentare; il pm della Procura di Messina, Fabrizio Monaco che ha parlato di "prodotti alimentari come rifiuti, brevi riflessioni sul progetto di riforma dei reati agro-alimentari"; Marianna Giuffrida, ordinario di diritto agrario al Dipartimento di giurisprudenza di Messina, la quale ha parlato della qualità dei prodotti alimentari nella disciplina delle Dop e delle Igp; Giacomo Gagliano, direttore ad interim dell'Icqrf Sicilia (Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari) del Ministero delle politiche agricole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi