Messina

Reggio naturale
interfaccia di Tremestieri

Il progetto di ampliamento del porto reggino presentato al ministero dell’Ambiente da Caronte&Tourist. Una scelta che va nella giusta direzione ma che suscita forti resistenze sulla sponda calabra

Reggio naturale  interfaccia di Tremestieri

La Caronte & Tourist ha presentato un progetto per ampliare il porto reggino e consentire il traffico dei mezzi pesanti, senza che ciò comporti i disagi che invece hanno vissuto finora le comunità di Messina e di Villa San Giovanni. E che sia una questione cruciale, non solo per chi risiede nella città dirimpettaia, ma anche e soprattutto per i messinesi, lo sottolinea il rappresentante dell’Osservatorio giovani professionisti e imprenditori. «In questi giorni – afferma Gaetano Majolino – mentre a Messina discutiamo di “Patto per la Falce”, via del Mare e potenziamento del porto di Tremestieri, oltre Stretto si accende il dibattito sulla proposta di Caronte&Tourist di realizzare un intervento di ampliamento del porto di Reggio Calabria per renderlo funzionale anche al traffico pesante. Non è un disegno futuribile, ma una proposta concreta, già presentata al ministero dell’Ambiente per la procedura di Verifica dell’impatto ambientale e che, a detta dei proponenti, potrebbe essere realizzata in appena sei mesi. Si tratterebbe dell’implementazione del piazzale nord del porto reggino che, secondo gli esperti del gruppo di navigazione, presenterebbe condizioni ottimali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto