Taormina

Raccolta rifiuti
Servizio ingessato

Grido d'allarme di Messinambiente: la proroga di tre mesi e il mancato avvio dell'Aro non permettono di svolgere il nostro lavoro

rifiuti

"Con una proroga di tre mesi siamo impossibilitati a svolgere il nostro lavoro. Cosa potremo fare da qui a fine marzo? Certamente non si possono espletare le gare e non comprendiamo le scelte del Comune di Taormina". Lo ha dichiarato ieri l'ing. Roberto Lisi, direttore tecnico di Messinambiente, che non nasconde il malcontento e le perplessità della società che gestisce il servizio di raccolta rifiuti a Taormina, al momento prorogato sino al 30 marzo in attesa che venga avviata l'Aro Taormina e che si svolga la relativa gara d'appalto all'Urega. "Avevamo detto con chiarezza al Comune di Taormina che in tre mesi siamo impossibilitati a procedere a qualsiasi tipo di gara. Sarebbe stato opportuno prorogarci per 6 mesi. Cosi facendo, invece, dovremmo sostenere il 30% in più dei costi per le forniture e i servizi. I sacchi per il porta a porta, ad esempio, sono finiti. (e.c.)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto