messina

Poggio dei Pini, arriva l'ordinanza

La Polizia Municipale sta notificando l'ordinanza di sgombero, firmata ieri sera dal sindaco Accorinti, alle famiglie ancora rimaste nelle palazzine dei lotti A e B del complesso Poggio dei Pini. Il sopralluogo eseguito ieri dalla protezione civile comunale, infatti, ha evidenziato una situazione di pericolo. L'ordinanza dispone anche l'esecuzione di lavori di messa in sicurezza e l'assistenza alle famiglie sgomberate che si trovano in difficoltà.

Ancora una frana, paura a Poggio dei Pini

A Poggio dei Pini  oggi è il giorno dello sgombero delle ultime famiglie,  una decina, rimaste ancora nelle palazzine dei lotti A e B. Ieri sera, infatti, il sindaco Accorinti ha firmato la relativa ordinanza poiché le condizioni dei luoghi rappresentano una condizione di pericolo per la privata incolumità. E' quanto emerso nel corso dell'ultimo sopralluogo eseguito ieri pomeriggio dalla protezione comunale, vigili del fuoco, il curatore fallimentare della Edil San Michele e l'amministratore del condominio. 

Dopo il crollo del muraglione di cemento armato avvenuto sabato scorso non sussistono più secondo gli esperti, le condizioni per lasciare le famiglie nelle loro case. Tanto più che ieri, durante il sopralluogo, si sono verificati altri smottamenti sebbene di lieve entità ma che  confermano o stato d'instabilità della collina sulla quale è stato realizzato l'imponente complesso edilizio. C'è da dire che già nei giorni scorsi la maggior parte delle famiglie aveva deciso spontaneamente di lasciare le loro case per timore di nuovi crolli. Stamani la Polizia Municipale ha notificato le ordinanze di sgombero alle poche famiglie rimaste. Alcune sono in grande difficoltà perchè non sanno dove andare ma l'ordinanza firmata da Accorinti prevede l'assistenza alle famiglie da parte del dipartimento Servizi sociali. E,intanto, si comincia a guardare anche al futuro. Nella riunione di ieri  il tecnico di fiducia del condominio ha presentato un progetto per realizzare un passaggio carrabile che consenta agli abitanti di poter raggiungere le proprie abitazioni e raccogliere le proprie cose, posto che i tempi per la messa in sicurezza si prospettano lunghi. Lavori di messa in sicurezza che l'ordinanza sindacale dispone a carico della curatela e dell'amministrazione del condominio e che riguardano sia i manufatti interessati al crollo che la soprastante collinetta.  La stessa che ora fa paura e che incombe su quelle case  incredibilmente costruite nel cuore del Poggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi