Rocca di Caprileone

Premeditazione esclusa, Oriti condannato a 24 anni

Sentenza d’appello per l’omicidio di Andrea Bruno a Rocca di Caprileone. In primo grado all’imputato 21enne era stato inflitto l’ergastolo

Esclusa la premeditazione, Oriti condannato a 24 anni

Esclusa la premeditazione. Per questa eccezione, sollevata dalla difesa e accolta, ieri pomeriggio, dopo tre ore di camera di consiglio, la Corte d’Appello di Messina (presidente Maria Pina Lazzara, a latere Vincenza Randazzo), in parziale riforma della sentenza all’ergastolo di primo grado, ha condannato a 24 anni e 3 mesi di reclusione Sebastian Oriti, 21 anni, di Rocca di Caprileone, che era e resta ristretto in carcere, con l’accusa di omicidio nei confronti del meccanico Andrea Oberdan Bruno, ucciso a coltellate a 24 anni, la mattina dell’11 febbraio 2013, a Rocca di Caprileone.

È finito in un giorno il processo di secondo grado nato dal primo, che era sfociato nel carcere a vita per l’imputato, con la sentenza emessa dalla Corte d’Assise di Messina il 2 aprile dello scorso anno. Proprio sul riconoscimento della premeditazione si è discusso tra i legali dopo che, al termine della requisitoria, il sostituto procuratore generale Enza Napoli, aveva chiesto la conferma della sentenza di primo grado.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi