Messina

Piemonte, senza soldi è un rebus

I vertici di Papardo e Irccs al lavoro per dare concretezza all’accorpamento. La legge non ha copertura finanziaria: le unità operative ridotte al minimo

Piemonte, senza soldi è un rebus

È diventato un gioco a incastro il percorso che dovrà portare entro il 15 febbraio al decreto attuativo dell’assessore alla Salute Gucciardi sull’accorpamento Piemonte-Neurolesi. Dopo il tavolo tecnico di martedì a Palermo negli uffici della Regione, ieri sono tornati a riunirsi i vertici dell’azienda Papardo e dell’Irccs Neurolesi per far quadrare un cerchio reso estremamente complicato da una legge che – caso piuttosto raro – non ha una copertura finanziaria. Tutto ciò che servirà per mantenere, così come prevede la legge approvata dall’Ars, il pronto soccorso e i reparti connessi al Piemonte, andrà fatto a costo zero, tirando un po’ di qua e un po’ di là una coperta che rischia di essere troppo corta.

L'approfondimento nell'edizione in edicola

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi