Taormina

Il piano finanziario
della Rete fognante

Vertice tra i sindaci di Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola e il presidente del Consorzio. I quattro comuni cominceranno a versare le somme dovute

Il piano finanziario della Rete fognante

Vertice dei sindaci a Palazzo dei Giurati per affrontare subito le impellenti scadenze legateal futuro del Consorzio Rete Fognante. Sul tavolo, in particolare, la spinosa questione dell'assenza di liquidità di cassa dell'ente. Erano presenti, dunque, i primi cittadini Eligio Giardina (Taormina), Nello Lo Turco (Giardini Naxos), Orlando Russo (Castelmola) e Alessandro Costa (Letojanni), ed il presidente della Rete Fognante, Andrea Raneri. Nel corso della riunione si è discusso un piano finanziario per iniziare a sostenere il Consorzio con i versamenti delle spettanze dovute dai quattro Comuni alla Rete Fognante. Si tratta di somme accumulatesi nel tempo, i cui pagamenti sono stati sollecitati a più riprese dall'ente comprensoriale. In questa direzione si impegneranno soprattutto i Comuni di Taormina e Castelmola, che al momento sono quelli maggiormente esposti nei confronti del Consorzio. Taormina verserà 500 mila euro, mentre Castelmola accrediterà 416 mila euro. (e.c.)
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi