Messina

Piemonte-Irccs, sì dell’Ars

Via libera definitivo all’accorpamento, ma senza passaggio di proprietà degli immobili

Giorni decisivi per l’ospedale Piemonte

Si chiude, almeno all’Ars, la telenovela sull’ospedale Piemonte. Ieri il parlamento regionale ha dato il via libera definitivo all’accorpamento con l’Irccs Neurolesi, uscendo dall’impasse nel quale era finito con il nodo legato alla proprietà degli immobili dell’ospedale di viale Europa. L’attribuzione della proprietà stessa alla Regione aveva in un primo momento generato le perplessità e i rilievi, messi per iscritto in un parere, del ministero della Giustizia. La decisione poi di trasferire sempre la proprietà del patrimonio all’Irccs aveva creato lo scontro politico, con il fermo no dell’Udc e del Movimento 5 Stelle.

Alla fine – decisiva l’opera di mediazione portata avanti dal presidente dell’Assemblea Giovanni Ardizzone, coronatasi nel vertice tenutosi ieri pomeriggio prima della seduta – si è trovata la sintesi in una legge che assegna, di fatto, al Neurolesi la disponibilità dei beni ma non la proprietà. Le modalità con cui il tutto dovrà avvenire verranno stabilite dal decreto del Governo, per la cui definizione ci sarà tempo fino al 15 febbraio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi