Messina

Giorni decisivi per l’ospedale Piemonte

Il 7 gennaio torna in Aula la modifica alla legge sull’accorpamento con l’Irccs

Giorni decisivi per l’ospedale Piemonte

Gli ultimi giorni hanno rimesso in discussione quello che sembrava un risultato acquisito: la “salvezza” dell’ospedale Piemonte attraverso l’accorpamento con l’Irccs Neurolesi. Un percorso tracciato e messo nero su bianco con una legge regionale approvata dall’Ars a ottobre e “benedetta” dal ministero della Salute, legge che non è stata impugnata dal ministero della Giustizia che però ha posto un rilievo: la proprietà del patrimonio immobiliare del Piemonte non può essere attribuita, così come previsto dalla legge stessa, alla Regione. Un punto che ha innescato nuove polemiche e scontri politici, un dibattito troppo simile ad una guerra tra bande che sembra poco utile a trovare una soluzione definitiva e che sarebbe opportuno fosse condivisa. Sulla modifica alla legge proposta da un gruppo di deputati e appoggiata dal Governo, che prevede il trasferimento degli immobili (ma solo quelli vincolati ad utilizzo sanitario) all’Irccs, le posizioni sono contrapposte e rischiano di affossare tutto, a pochi giorni dalla seduta dell’Ars fissata per giovedì 7. Un rischio che Messina non si può permettere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi