MESSINA

Bilancio positivo della polizia

Tra i dati più significativi il numero in diminuzione di rapine e furti rispetto all’anno precedente. Presentato anche il calendario.

Bilancio positivo della polizia

A fare gli onori di casa il questore Giuseppe Cucchiara che ha illustrato, davanti ai suoi più stretti collaboratori,  il quadro delle attività svolte dai vari settori della polizia nel 2015 in città e provincia. 

Tra i fatti di cronaca più importanti sono stati ricordati l’omicidio efferato di Omayma, uccisa con un bastone dal marito e la morte per droga e alcool della giovanissima Ilaria Boemi sulla spiaggia del lungomare del Ringo.

In primo piano anche alcune delle operazioni della polizia come gli arresti domiciliari nell’ambito dell’inchiesta su Messinambiente, le misure cautelari emesse per Gettonopoli grazie al lavoro svolto dalla Digos e, in provincia,  Gotha V . Uomini della polizia impegnati anche in altri servizi come quelli svolti per l’immigrazione, un fenomeno sempre più in crescita come testimoniato dall’aumento del numero di sbarchi nel porto di Messina. Mano pesante anche per i reati da stadio con l’emissione di 50 Daspo, la maggior parte dei quali per gli incidenti alla fine del derby con la Reggina dello scorso 30 maggio. Tra i dati rilevanti la diminuzione delle rapine. In calo, sensibile, anche i  furti. Il questore Cucchiara ha, poi, indicato i prossimi obiettivi da centrare: maggiore  controllo del territorio e contrasto più efficace allo spaccio di stupefacenti.

Presentato nel corso dell’incontro anche il calendario della polizia, che è possibile acquistare sul sito dell’Unicef,  firmato da Massimo Sestini, scatti d’autore per i bambini del Sudan dal momento che il ricavato della vendita andrà in beneficenza.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi