Messina

Disservizi idrici
e pozzi inutilizzati

Sempre attuale il problema della mancanza di fonti alternative alla condotta del Fiumefreddo. Un lettore segnala che nel torrente Agrò giacciono 40 pozzi inutilizzati da trent'anni

amam telemetria

Il recente guasto alla condotta che serve la città ha riproposto il problema della mancanza di fonti alternative di approvvigionamento idrico. Se l'Amam si appella alle istituzioni e attende che il progetto di messa in sicurezza delle tubazioni sia approvato per poter eseguire interventi di consolidamento nei tratti più a rischio del Fumefreddo, il Genio civile continua nell'azione di monitoraggio di sorgenti e altre risorse idriche.

Un lettore della Gazzetta, dal canto suo, segnala alla redazione un fatto rilevante. "Quaranta pozzi sono inutilizzati da trent'anni nel torrente Agrò", scrive un residente a Fondaco Parrino, nel territorio di Forza d'Agrò. "Garantirebbero una portata di 400 litri di acqua al secondo in attesa di una ristrutturazione (e di investimenti)", aggiunge. 

Intanto, in alcuni quartieri di Messina la fornitura idrica non è ancora a pieno regime. Disservizi si registrano in contrada Citola, a Catarratti e in alcune zone collinari. Spesso, nello stesso palazzo, l'acqua stenta a raggiungere i piani alti.

Commenti all'articolo

  • nino24

    25 Dicembre 2015 - 17:05

    Fra le 10 notizie più lette mettete che anche una festività così importante, come il natale!!, la città soffre di mancanza d' acqua!! Una vergogna tutta messinese

    Rispondi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto