Barcellona

Nei guai per violenze sulla figlia 13enne della convivente

A Vincenzo Miano (51 anni, già noto) vietata la dimora a Barcellona e Messina

Tribunale Barcellona

Avrebbe violentato in più occasioni, fino allo scorso mese di ottobre, complice il silenzio imposto dalla snaturata madre della minore, una ragazzina di 13 anni, figlia della donna con cui l’uomo aveva intrecciato una relazione. Il barcellonese Vincenzo Miano, 51 anni, già noto alle cronache perché condannato a seguito dell’operazione antidroga denominata "Dirty Bread", tradotto dall’inglese “pane proibito”, condotta dalla polizia di Gioia Tauro, ha avuto notificata dai carabinieri della Sezione di polizia giudiziaria della Procura di Barcellona, una ordinanza coercitiva emessa dal gip Danilo Maffa che da ieri pomeriggio vieta all'uomo - accusato di violenza sessuale aggravata su minore di età inferiore ai 14 anni - la dimora nei territori di Barcellona e di Messina. Miano era ricercato da due giorni.

Ulteriori dettagli potete leggerli nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi