Messina

Domani in città
Lorenzin e Faraone

Saranno entrambi presenti all’inaugurazione dell’anno accademico. Il ministro annuncerà il nuovo piano nazionale per le emergenze pediatriche

Domani in città Lorenzin e Faraone

Un piano di importanza strategica, annunciato a livello nazionale, in maniera significativa, proprio nella terra, la Sicilia, dalla quale con dolorosa evidenza se ne rilevò l’assoluto bisogno: il ministro Beatrice Lorenzin, domani a Messina per l’inaugurazione d dell’anno accademico, al termine della cerimonia illustrerà in conferenza stampa alle 13,30 all’Ateneo il Piano nazionale per l’emergenza-urgenza pediatrica, con le linee guida per l’istituzione di una rete di soccorso che impedisca il verificarsi di tragedie come quella avvenuta nello scorso febbraio: la morte della piccola Nicole, appena nata e bisognosa di un posto in terapia intensiva che non si riuscì a trovare in tempo. Il ministro nel pomeriggio dalle 15,30 sarà invece al Palacultura, dove concluderà i lavori della tavola rotonda incentrata sull’innovazione e i servizi all’utenza in sanità. Ma l’anno accademico avrà un altro ospite illustre: il sottosegretario al MIUR, on. Davide Faraone, che interverrà alle 12,15 alla cerimonia prevista alle ore 11, nell’aula magna dell’Ateneo. Alle relazioni del rettore, prof. Pietro Navarra e del direttore generale, prof. Francesco De Domenico, seguiranno gli interventi del rappresentante del personale tecnico amministrativo Mario Recupero e di Domenico Branca, rappresentante degli studenti. La prolusione ai corsi sarà tenuta dal prof. Giovanni Raimondo, ordinario del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale. E un altro appuntamento di grande rilievo si terrà sempre all’Ateneo martedì 1 dicembre: sarà infatti Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione l’ospite d’onore del Master universitario di II° livello in “Amministrazione e gestione dei patrimoni confiscati alla mafia. Alle 17, nell’aula magna del Rettorato, Cantone terrà una lectio magistralis dal titolo “Nuove prospettive nel riutilizzo dei beni confiscati”. Dopo i saluti del Prof. Giovanni Moschella, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche, e del prof. Luigi Chiara, direttore del Master, introdurrà la dott. Ida Nicotra, componente del Consiglio dell’Autorità Nazionale Anticorruzione. Il presidente dell’Anac nella mattinata di martedì sarà ospite della Commissione regionale Antimafia. L’incontro, che avrà luogo a porte chiuse nel Palazzo dell’Ars, sarà occasione di confronto sui temi della trasparenza, della prevenzione della corruzione e dell’individuazione di spunti di riforma della legislazione regionale sugli appalti pubblici

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi