Stromboli

Ultraleggero precipita in mare vicino Stromboli, due morti

Incidente avvenuto ieri sera, corpi recuperati da motovedette

Ultraleggero precipita in mare vicino Stromboli, due morti

Sono morti il pilota e il passeggero, padre e figlio, di un aeromobile ultraleggero che dopo le 17.30 di ieri è precipitato in mare, a nord di Stromboli. I due corpi sono stati recuperati da motovedette di guardia costiera. Il velivolo era partito da Gela (Caltanissetta) ed era diretto a Foggia. Nelle ricerche era stato impegnato anche un traghetto partito da Lipari alla volta di Napoli. I corpi sono stati ricomposti nell'obitorio del cimitero di Lipari a disposizione dell'autorità giudiziaria.

I corpi di Giuseppe Alabiso, 61 anni, e del figlio Emanuele, di 26 - che viaggiavano su uno Storm 300 - sono stati recuperati tra le 4 e le 6.30 di stamane a 12 miglia da Stromboli. Si cercano ancora i resti dell'aereo che era diretto a Foggia. Giuseppe Alabiso, odontoiatra con la passione del volo era anche stato dirigente della squadra di calcio Juventina-Gela e appassionato di motori: aveva una Ferrari. Nel 2013 stabilì il record del mondo di traversata solitaria di 9.000 km da Gela a Capo Nord; l'anno dopo volò per 13 mila chilometri da Agrigento a Nuuk, in Groelandia. Era scampato alla morte nel 2004, quando, partito da Roma, il suo ultraleggero precipitò all'altezza di Sabaudia. Rimase in coma per oltre un mese e poi tornò a volare anche per diffondere la cultura della donazione del midollo osseo. La Capitaneria di porto aveva dirottato nel tratto di mare il traghetto Laurana della Compagnia delle Isole, che era partito da Lipari diretto a Napoli. Il pm Fabrizio Monaco della procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha disposto le autopsie che saranno eseguite al Papardo di Messina.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto