S. Filippo del Mela

Termovalorizzatore ad Archi, l’Airis stronca il piano Edipower

La riconversione della Centrale termoelettrica. Lo studio commissionato da 10 Comuni: «Stop alla procedure»

Termovalorizzatore ad Archi, l’Airis stronca il piano Edipower

 I Comuni dell’hinterland tirrenico stroncano il progetto di Edipower sul termovalorizzatore alla Centrale di Archi. Nelle osservazioni trasmesse al ministero dell’Ambiente dal sindaco di ciascun Comune infatti viene chiesto il rigetto dello studio di impatto ambientale e la chiusura della procedura aperta con pronuncia negativa. Le ragioni sono spiegate nella relazione di ben 39 pagine nella quale la società Airis di Bologna contesta molti punti dello Studio di impatto ambientale di Edipower. Lo studio della società emiliana è stato commissionato dai Comuni di Milazzo, Condrò, Furnari, Merì, Monforte San Giorgio, Roccavaldina, San Pier Niceto, Santa Lucia del Mela, Saponara e Venetico. Il gruppo di lavoro, coordinato dal dottor Salvatore Giordano e composto da Fabrizio Bianchi, Marco Stevanin e Giulia Baldissera, parte dagli interventi previsti nel progetto di Edipower: messa in stato di fermo dei Gruppi SF5 e SF6 in relazione ad eventuali sviluppi futuri; esercizio dei Gruppi SF1 e SF2 nella configurazione autorizzata AIA, per un massimo di 1.000 ore/anno ciascuno; installazione di due caldaie a griglia mobile alimentate a CSS con una potenza termica complessiva di 200 MWt2, funzionante per 7.800 ore/anno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi