Barcellona

Chiede elemosina
con modi aggressivi

Venticinquenne nigeriano arrestato nello spiazzale di un supermercato per violenza e minaccia a pubblico ufficiale

Chiede elemosinacon modi aggressivi

E’ stato un poliziotto libero dal servizio a notarlo nel piazzale di un supermercato di Barcellona P.G., mentre avvicinava i clienti del negozio pretendendo con fare aggressivo l’elemosina. Visto l’atteggiamento prepotente del giovane extracomunitario, l’agente ha chiamato i rinforzi, e quando la pattuglia dell’ufficio Volanti del Commissariato di Barcellona è arrivata nel parcheggio del supermercato lo hanno fermato per identificarlo.

Alla richiesta dei documenti fatta dai poliziotti Martin Ozua, 25 anni, si è prima rifiutato di fornire le proprie generalità, poi quando si è accorto che i poliziotti lo avrebbero portato in ufficio per procedere all’identificazione, è andato in escandescenza tentando di scappare.

I poliziotti sono riusciti comunque ad immobilizzarlo e ad accompagnarlo negli uffici del Commissariato.

E’ emerso che il giovane, aveva fatto richiesta di asilo ed era stato ospitato dal Centro Sprar per immigrati di Barcellona, dal quale però, nel mese di agosto, era stato allontanato proprio a causa dell’atteggiamento particolarmente violento.

Durante le concitate fasi di salita e discesa dalla macchina della Polizia, il giovane nigeriano ha colpito due poliziotti che hanno riportato lievi lesioni, giudicate poi guaribili in 3 e 7 giorni, pertanto è stato tratto in arresto per violenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale.

Su disposizione del P.M. presso il Tribunale di Barcellona Dott.ssa Federica Paola l’arrestato è stato trattenuto nelle celle di sicurezza della Caserma Calipari, in attesa del processo per direttissima che si terrà nel pomeriggio odierno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi