messina

Atm, forzata la porta del protocollo

Qualcuno stanotte si è introdotto nell'ufficio protocollo dell'Atm, forzando la porta d'ingresso. A dare l'allarme sono stati in mattinata i dipendenti dell'azienda. Indaga la Polizia.

ATM

E' un ufficio amministrativo. Non ci sono soldi, non ci sono casseforti. Nulla di interessante da rubare per un ladro comune. Ci sono solo documenti. Gli atti protocollati dall'Atm. Difficile capire cosa abbia spinto qualcuno stanotte a entrare in questo ufficio.

La porta d'ingresso è in legno, peraltro è anche abbastanza vecchia e facile da aprire. Ma per arrivarci bisogna attraversare parecchi corridoi e superare una porta che è ben più complessa da forzare e normalmente resta chiusa. Pare che stanotte fosse aperta, per qualche strana ragione.

Di fatto, è forse per questo che qualcuno è riuscito a introdursi nei corridoi dell'azienda e a entrare in questo ufficio che conserva carte e documenti.

Difficile capire chi possa averlo fatto. Ancor più complicato capire perchè. L'unica cosa certa è che chi è venuto qui dentro stava cercando qualcosa nell'ufficio protocollo.

La zona è tutta videosorvegliata, il responsabile – o i responsabili – potrebbero già avere le ore contate. E questo misterioso atto trovare una precisa spiegazione.

Per il momento si sa veramente poco. La notizia è che oggi i dipendenti degli uffici amministrativi hanno notato la porta forzata e chiamato i dirigenti. In mattinata è arrivata la Digos che ha raccolto informazioni e testimonianze.

Non c'era il direttore generale Foti, fuori città, c'era invece il commissario Manna, che però ha preferito non rilasciare dichiarazioni. Ha parlato con la polizia, che adesso indagherà su questa strana storia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi