Stadio S. Filippo

Via libera del Genio civile

L’ingegnere capo Gaetano Sciacca comunica il nulla osta per la ricostruzione del muro, ma la validità è subordinata alla pronuncia dell’Autorità giudiziaria

Muro crollato S. Filippo

Il muro crollato al S. Filippo

«La validità del presente provvedimento – si legge nel documento del Genio civile – è subordinata alla pronuncia definitivadell’Autorità giudiziaria».
La traduzione è semplice: prima di ottenere “l’inizio lavori” bisognerà fare un passaggio con il magistrato giudicante, come prevedono le normative sui reati sismici. «Il mio provvedimento è volto a evitare ulteriori polemiche strumentali – ha spiegato ieri Sciacca – Abbiamo ricevuto le integrazioni richieste e immediatamente abbiamo esitato questo nulla osta, nonostante le insinuazioni di qualcuno. Ma ovviamentela normativa va rispettata». Senza dimenticare che per i lavori vanno trovati circa 700-800 mila euro, che il Comune intende chiedere alla Regione.

Oggi sulla questione stadio si
terrà un incontro tra i vertici
dell’Acr Messina – il direttore generale
Vincenzo Lo Monaco e il vicepresidente
Niki Patti – il sindaco
Giuseppe Buzzanca (accompagnato
dai tecnici) e i rappresentanti
della Questura. Obiettivo dichiarato:
riuscire a ottenere l’aumento
della capienza dell’impianto dagli
attuali 6.900 posti a diecimila.
Ma sul tavolo ci sono anche le
condizioni dello stadio San Filippo,
di cui l’Acr Messina ha chiesto la gestione.
Condizioni precarie, soprattutto
per quanto riguarda alcuni locali
della struttura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi