Esplosione bombola

La Procura apre un'inchiesta

Un fascicolo è stato aperto in Procura a Messina sull’esplosione, seguita ad una fuga di gas, avvenuta in una villa di Taormina. L’inchiesta al momento è contro ignoti ma c’è da scoprire la causa che ha provocato il grave incidente. Migliorano intanto le condizioni dei cinque feriti.

La Procura apre un'inchiesta

Il sostituto procuratore Alessia Giorgianni ha aperto un fascicolo contro ignoti ed ha  incaricato i Vigili del Fuoco di chiarire le cause che hanno originato l'esplosione che poteva avere conseguenze più gravi. Il magistrato ha disposto il sequestro della villa di via Guardiola Vecchia, dichiarata fra l’altro inagibile a seguito di gravissimi danni strutturali e di stabilire se, a provocare la violenta esplosione, sia stato un difetto alla bombola od all’impianto o se vi sia stato un errore umano. Migliorano intanto le condizioni dei feriti. Il più grave è il proprietario della villa, Daniele Borinato, 55 anni medico di Paternò che si trova ricoverato al centro grandi ustionati del Ferrarotto di Catania con ustioni sul 55 % del corpo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi