Sequestro Gdf

"Made in Italy" ma
arrivano da Ungheria

Oltre 20mila capi di abbigliamento per bambini riportanti l'etichetta 'Mady in Italy' ma realizzati nell'Est Europa, sono stati sequestrati dai militari della Guardia di Finanza del Comando di Gorizia nell'ambito del controllo economico del territorio effettuato nell'area a ridosso del confine di Stato.

"Made in Italy" ma
arrivano da Ungheria
I capi - per bambini e neonati - erano trasportati in colli di cartone con un furgone partito dall'Ungheria, condotto da un cittadino italiano, ed erano destinati alla grande distribuzione del territorio nazionale. In particolare, la merce era stata commissionata da una ditta italiana operante nel Nord-Est ad una società ungherese Piuttosto che rispettare la normativa nazionale vigente limitandosi a lavorazioni marginali, il prodotto risultava essere invece già completamente finito, con tanto di etichetta in lingua italiana, riportante anche taglia e futuro prezzo di vendita, già pronto per la vendita al dettaglio. La merce è stata avviata alle consuete analisi finalizzate alla verifica della salubrità dei materiali; il conducente del veicolo è stato denunciato per contraffazione e vendita di prodotti industriali con segni falsi o mendaci.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi