Motivazioni del Riesame

Ilva, l'attività inquinante
"scelta della proprietà"

Il "disastro" prodotto dall'Ilva a Taranto è stato "determinato nel corso degli anni, sino ad oggi, attraverso una costante reiterata attività inquinante posta in essere con coscienza e volontà, per la deliberata scelta della proprietà e dei gruppi dirigenti".

Ilva, l'attività inquinante
"scelta della proprietà"

Il "disastro" prodotto dall'Ilva a Taranto è stato "determinato nel corso degli anni, sino ad oggi, attraverso una costante reiterata attività inquinante posta in essere con coscienza e volontà, per la deliberata scelta della proprietà e dei gruppi dirigenti". E' quanto si legge nelle motivazioni del Tribunale del Riesame sul provvedimento che il 7 agosto scorso ha confermato il sequestro degli impianti a caldo dell'Ilva, 'senza concedere la facoltà d'uso'. Ildisastro ambientale doloso prodotto dall'Ilva è "ancora in atto"e "potrà essere rimosso solo con imponenti e onerose misure d'intervento, la cui adozione, non più procrastinabile, porterà all'eliminazione del danno in atto e delle ulteriori conseguenze dannose del reato in tempi molto lunghi"  sottolineano i giudici affermando che 'la gravissima contaminazione ha creato una situazione di grave pericolo per la salute e la vita di un numero indeterminato di persone'.  'No a decisioni irrimediabili come lo spegnimento' ha ribadito il ministro Passera. Soddisfatto il presidente dell'Ilva: 'Il Riesame ha espresso una posizione di buon senso, che indica una strada che salva l'ambiente, la salute e tanti posti di lavorò.

ATTIVITA' INQUINANTE E' VOLUTA SCELTA PROPRIETA' - Proprietà e gruppi dirigenti "che si sono avvicendati alla guida dell'Ilva", secondo i giudici del tribunale del riesame di Taranto, "hanno continuato a produrre massicciamente nella inosservanza delle norme di sicurezza dettate dalla legge e di quelle prescritte, nello specifico dai provvedimenti autorizzativi". In un'altra parte del loro provvedimento i giudici del Riesame, sullo stesso tema, annotano: "Dalle varie parti dello stabilimento vengono generate emissioni diffuse e fuggitive non adeguatamente quantificate, in modo sostanzialmente incontrollato e in violazione dei precisi obblighi assunti dall'Ilva, nella stessa Aia e nei predetti atti d'intesa, volti a limitare e ridurre la fuoriuscita di polveri e inquinanti". I giudici ritengono che "le emissioni nocive che scaturivano dagli impianti, risultate immediatamente evidenti sin dall'insediamento dell'attuale gruppo dirigente dello stabilimento Ilva di Taranto, avvenuto nel 1995, sono proseguite successivamente", nonostante una condanna definitive per reati ambientali. Inoltre, nonostante i "molteplici" impegni assunti dall'Ilva con le pubbliche amministrazioni per migliorare le prestazioni ambientali del siderurgico, i dirigenti dello stabilimento non hanno mai assolto agli obblighi.

GESTIONE ALTA POTENZIALITA'DISTRUTTIVA - Le modalità di gestione dell'Ilva di Taranto sono state tali da produrre un 'disastro doloso': "azioni ed omissioni aventi una elevata potenzialità distruttiva dell'ambiente (...), tale da provocare un effettivo pericolo per l'incolumità fisica di un numero indeterminato di persone". Lo scrive il Tribunale del RiesameL'attività inquinante dell'Ilva - secondo il tribunale del Riesame di Taranto - ha provocato una "gravissima contaminazione ambientale" che consiste nella "contaminazione di una vasta area di terreno compresa tra i territori dei Comuni di Statte e Taranto". La contaminazione "ha comportato ingenti danni economici alle locali aziende zootecniche, ma soprattutto ha creato una situazione di grave pericolo per la salute e la vita di un numero indeterminato di persone". L'attività inquinante - sottolineano i giudici - si è protratta "per anni nonostante le osservazioni e i rilievi mossi al riguardo dalle autorità preposte alla salvaguardia dell'ambiente e della salute". "Ciò - concludono i giudici - emerge inconfutabilmente circa le emissioni inquinanti rivenienti dalla singole aree dello stabilimento". A questo riguardo i giudici rilevano, tra l'altro, che già nel maggio 2007 l'Arpa Puglia aveva reso noto che le emissioni di diossina attribuibili all'Ilva "avessero subito un decisivo incremento, passando il contributo complessivo dello stabilimento di Taranto, al totale nazionale prodotto, dal 32% dell'anno 2002 al 90% del 2005".

STOP IMPIANTI SOLO UNA DELLE SOLUZIONI "Lo spegnimento degli impianti rappresenta, allo stato, solo una delle scelte tecniche possibili". Lo scrive il tribunale del Riesame confermando il sequestro, senza facoltà d'uso, dei reparti a caldo dell'Ilva. Se occorra fermare gli impianti, lo si deciderà "sulla base delle risoluzioni tecniche dei custodi-amministratori". Scrive il Riesame: "Non è compito del tribunale stabilire se e come occorra intervenire nel ciclo produttivo (con i consequenziali costi di investimento) o, semplicemente, se occorra fermare gli impianti, trattandosi di decisione che dovrà necessariamente essere assunta sulla base delle risoluzioni tecniche dei custodi-amministratori, vagliate dall'autorità giudiziaria: per questo lo spegnimento degli impianti rappresenta, allo stato, solo una delle scelte tecniche possibili"

PRODUZIONE SOLO SE RESA ECOCOMPATIBILE - L'Ilva - secondo il tribunale del Riesame - deve, da un lato, eliminare "la fonte delle emissioni inquinanti (con la rimodulazione dei volumi di produzione e della forza occupazionale)", dall'altro "provvedere al mantenimento dell'attività produttiva dello stabilimento", solo dopo averla resa "compatibile" con ambiente e salute. Scrive il Tribunale del Riesame al riguardo: "La scelta tra importanti e complesse scelte di politica aziendale volte, da un lato, all'eliminazione della fonte delle emissioni inquinanti (con la rimodulazione dei volumi di produzione e della forza occupazionale), dall'altro invece al mantenimento dell'attività produttiva dello stabilimento, soltanto dopo averla resa compatibile con l'ambiente e la salute dei cittadini e dei lavoratori, anche al prezzo di onerosissimi esborsi finanziari, si pone oramai in termini di ineludibilità e urgenza per il gestore, in considerazione della peculiare complessità del ciclo produttivo e degli impianti, che necessitano di un tempestivo intervento".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi