Il killer di Denver

Inviò allo psichiatra
il piano della strage

Qualche giorno prima di entrare nel cinema dove avrebbe assassinato almeno dodici persone, James Holmes inviò per posta a uno psichiatra un taccuino.

Inviò allo psichiatra
il piano della strage
Qualche giorno prima di entrare nel cinema dove avrebbe assassinato almeno dodici persone ferendone altre 58, James Eagan Holmes inviò per posta a uno psichiatra dell'Università del Colorado un taccuino, fitto di appunti e disegni esplicativi, in cui illustrava il suo folle proposito: se scoperto per tempo, il contenuto del quaderno avrebbe potuto permettere d'impedire al 24enne esaltato di realizzare il proprio piano.

 

Purtroppo il destinatario non lo ricevette, se non tre giorni dopo la strage di Denver. Secondo fonti inquirenti riservate, citate dal notiziario on-line 'FoxNews', per circa una settimana la busta con dentro il notes rimase infatti, chiusa e non recapitata, all'interno dell'ufficio posta del Campus Medico 'Anschutz' dell'Universita' del Colorado, situato proprio ad Aurora, il sobborgo alla periferia occidentale della capitale dello Stato Usa ove si e' consumata la carneficina.

Soltanto l'altroieri mattina polizia e Fbi hanno ricevuto la chiamata dello psichiatra, che insegna nell'ateneo e le cui generalita' non sono state divulgate, il quale comunicava loro di aver ricevuto un pacchetto che sembrava provenire proprio dal giovane killer.
  In realta', a un esame piu' accurato, risulto' che la busta era stata spedita da qualcun altro, e che non conteneva nulla di particolarmente allarmante.
  A quel punto furono pero' controllati tutti i colli rimasti inevasi, e ne salto fuori' uno che era proprio quello giusto: la dicitura sul retro indicava come mittente appunto Holmes.

A quel punto gli agenti lo aprirono, e lessero sgomenti che cosa era stato scritto e disegnato sul taccuino. "Era zeppo di dettagli su come avrebbe ucciso un sacco di gente", hanno spiegato le fonti anonime. "C'erano i disegni di quello che avrebbe commesso, schizzi e illustrazioni del massacro". Resta da capire quale fosse lo scopo del giovane killer, se magari 'volesse' lui stesso essere fermato prima di poter colpire. In tal caso, incuria e burocrazia glielo hanno negato, spianandogli invece la via omicida.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi