Osservatorio Internazionale

Turchia, un “buco” di ben 330 miliardi di dollari?

La lira crolla e mette a rischio le partecipazioni degli istituti di credito. Bce preoccupata. Il superdollaro e il ruolo di Erdogan

Turchia, un “buco” di ben 330 miliardi di dollari?

«Mamma li turchi», gridano in coro le banche internazionali, esposte per 330 miliardi di dollari, mentre le diplomazie di mezzo mondo, mani ai capelli, imprecano contro il destino cinico e baro: «Ci mancava solo questa». Sì, perché l’aria che tira dalle parti del Bosforo non è proprio “salubre” per la stabilità di un pianeta già malmesso di suo. Dunque, la Turchia traballa. Di brutto. Oggi con la globalizzazione, in politica estera e, soprattutto, in economia, nessuno può dirsi al riparo dal contagio delle crisi. E l’ex Sublime Porta è essenziale per mantenere gli equilibri a cavallo di due continenti. Europa e Asia. Lo hanno capito tutti (o quasi), meno quelli che avrebbero dovuto capirlo da un pezzo. Risultato? La Turchia, ex bastione di ferro della Nato, porta d’ingresso per la Russia nel Mediterraneo (da Pietro il grande fino a Putin, passando per Stalin e Brezhnev) sta barcollando come un pugile suonato. Sotto i colpi dell’autocrazia di Erdogan e del suo arrogante islamismo in doppio petto, che lo hanno portato a subire le ritorsioni di Trump per l’affaire di un religioso Usa arrestato da Ankara. Ritorsioni prima politiche e poi doganali (i dazi sull’acciaio e sull’alluminio sono raddoppiati). Metteteci anche i contraccolpi sull’energia derivanti dalle sanzioni all’Iran e il quadretto è completo. Un pastrocchio che rischia di lasciare sul terreno molte vittime. A cominciare, appunto, da banche, bancarelle e bancone del Vecchio Continente esposte più di quanto si creda sul mercato turco degli “asset” creditizi. Spifferi dicono che a Draghi, alla Bce, siano venuti i sudori freddi alla schiena. Siamo alle solite, insomma. I capitalisti d’antan, che da sempre hanno investito sull’economia di carta sperando di continuare a fregare i risparmiatori che gli portavano i soldi, oggi temono un nuovo collasso. Sì, la Turchia non è un gigante economico, d’accordo. Ma di questi tempi, in cui i mercati sono costantemente sull’orlo di una crisi di nervi, basta un cerino gettato in un deposito di benzina per fare esplodere tutto il capannone. Capito? Tecnicamente gli economisti lo chiamano “crashing and panicking”, crollo e panico. Un effetto domino in cui l’irrazionalità, alimentata dall’angoscia, prende il sopravvento e ingigantisce qualsiasi crisi, rendendola molto più pericolosa di quella che in effetti è. Ora, a leggere i trend finanziari turchi nei mesi scorsi, la scoppola era nell’aria. Ma, come spesso accade nel verminaio dell’economia di carta (o di cartone?) si spera che a uscire con le ossa rotte siano sempre agli altri. E che, anzi, le sfortune del nemico, possano addirittura diventare la tua cuccagna. Si specula sui moribondi, insomma. Scoppiato l’incendio, si sono mobilitati i pompieri, cercando di fare diagnosi e prognosi e, magari, azzardando qualche terapia. Le analisi non è che siano confortanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Domani i funerali di Marta Danisi

Oggi i funerali di Marta Danisi

di Rosario Pasciuto