Lamezia Terme

Omicidio Gualtieri
cinque arresti

Sono le cinque persone accusate di essere mandanti ed esecutori dell'omicidio di Federico Gualtieri, ucciso a Lamezia Terme il 27 marzo 2007.

Omicidio Gualtieri
cinque arresti

Un'operazione dei carabinieri è in corso per l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di cinque persone accusate di essere mandanti ed esecutori dell'omicidio di Federico Gualtieri, ucciso a Lamezia Terme il 27 marzo 2007. L'uomo venne ucciso sotto gli occhi della moglie, davanti alla bancarella di frutta e verdura che aveva in una zona centrale della città. Per la Dda di Catanzaro, che ha coordinato le indagini, il delitto è maturato nell'ambito dello scontro tra cosche.

Gualtieri fu ucciso da due persone che viaggiavano a bordo di un ciclomotore, uno dei quali sparo' numerosi colpi di pistola calibro 9. La vittima, già nota agli investigatori, era il nipote di Emilio, ritenuto dagli investigatori un elemento di spicco dell' omonimo clan. Gualtieri, secondo gli investigatori, era inserito nella cosca Cerra-Torcasio-Gualtieri che da anni era in lotta con i Giampà-Iannazzo.

Cinque le persone arrestate per l'omicidio Gualtieri, che farebbero parte della cupola del clan Giampà-Iannazzo, e già in carcere: Giuseppe Giampà figlio di Francesco considerato il boss, 32 anni, il cugino Pasquale Giampà di 48, Vincenzo Bonaddio di 53cognato del "Professore", e Aldo Notarianni di 47. Il quinto è Vincenzo Ventura arrestato all'alba di oggi.Federico Gualtieri sarebbe stato ucciso perchè considerato una minaccia da Pasquale Giampà.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi