PyeongChang

Un bacio gay in mondovisione

Un bacio gay in mondovisione

Un bacio gay in mondovisione, visto da milioni di telespettatori. E' successo all'Olimpiade di PyeongChang al termine della gara di slopestyle, una specialità del free style, in cui uno dei favoriti, il 26enne fotomodello americano Gus Kenworthy che fu argento a Sochi 2014, è rimasto fuori dal podio (a causa degli errori negli ultimi tre salti). Poco importa, perché a sostenerlo è accorso il suo boyfriend, l'attore Matthew Wilkes, e i due si sono baciati davanti alle telecamere. Così Kenworthy ha inteso portare avanti una delle sue 'battaglie', quella per la pari dignità della comunità LBGT (lesbo, gay e trans) della quale è un leader da quando, tre anni fa nel corso di una trasmissione dell'emittente Espn, fece outing.

E in Corea del Sud adesso è considerato il leader della comunità gay dei Giochi, assieme a un altro atleta degli Usa che ha fatto outing, il pattinatore Adam Rippon. Kenworthy, che a Sochi fu al centro dell'attenzione anche per aver salvato, e poi mantenuto a proprie spese, un gruppo di cani randagi che erano destinati alla soppressione, è conosciuto anche per il non avere peli sulla lingua e ha rivelato che prima della gara aveva ricevuto un tweet d'incoraggiamento dalla cantante Britney Spears, di cui è amico. In passato, lavorando come modello, ha posato senza veli sulle nevi di Mammouth Mountain, con in mano un paio di sci.

"Mi sento un messaggero contro il preconcetto - ha spiegato a PyeongChang - e da quando ho reso pubblico il mio orientamento sessuale sento di non dover più dare spiegazioni. Ho detto chiaramente cosa sono e ho fatto dei passi verso la leadership della comunità LBGT, perché non è che qui ai Giochi ce ne siano molti. Ho la mente sgombra e per me, anche se non sono andato sul podio, non è mai stato così facile gareggiare". Perché quel bacio gay in diretta tv? Lo ha spiegato il boyfriend Matthew Wilkes: "è stata un'ottima cosa che sia stato dato in diretta tv. E' una cosa che deve diventare ogni volta più normale. La comunità gay guarda a lui, ma ci sono anche tante persone che odiano Gus e non vedono l'ora che sbagli".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi