Regionali 2017

A Messina c’è un’inchiesta
sulle elezioni

Dopo le recenti consultazioni regionali di novembre sarebbero scattati alcuni accertamenti investigativi. Captate conversazioni in cui esponenti criminali parlavano di “indirizzare” voti tra la città e la provincia

A Messina c’è un’inchiesta  sulle elezioni

È tutto “blindato”. Trapela pochissimo. Ma da qualche settimana c’è un fascicolo, su qualche scrivania della Procura di Messina, il cui argomento è clamoroso.

L’intestazione deve suonare più o meno così: “Voto di scambio e possibili condizionamenti della criminalità organizzata durante le recenti consultazioni regionali”. È chiaro che si tratta solo di un primo approccio alla recente vicenda elettorale siciliana, quantomeno per il territorio della provincia di Messina tra la città e alcuni centri della zona tirrenica, che a quanto pare sarebbe partito da alcune intercettazioni ambientali. In questi dialoghi captati alcune settimane prima del voto, la grande maratona del 5 novembre, un gruppo investigativo che stava lavorando tra la città e la zona tirrenica avrebbe ascoltato alcuni esponenti della criminalità organizzata, o comunque alcuni personaggi legati in qualche modo ad ambienti criminali, mentre in un certo senso “programmavano” pacchetti di voti.

L'articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi