messina

Identificato il pirata dell'autostrada

E' un 20enne di Enna l'uomo che con la sua auto ha investito il 23enne romano che ieri vagava a piedi sulla A/20 tra Milazzo e Barcellona. Gravi le condizioni del ragazzo.

Identificato il pirata dell'autostrada

Il pirata dell’autostrada è stato identificato. E’ un ventenne di Enna che è stato denunciato in stato di libertà e dovrà rispondere di lesioni gravi, omissione di soccorso e fuga. La sua patente è stata ritirata, la sua macchina sequestrata. E’ una Fiat Punto bianca. Gli agenti del distaccamento della Polizia stradale di Barcellona insieme al personale della squadra investigativa della sezione di Messina l’hanno identificata dopo una scrupolosa ricerca.

Sulla Messina - Palermo, nel tratto compreso tra Milazzo e Barcellona, hanno trovato un pezzo di carrozzeria della vettura. Sono così risaliti al colore e al modello e attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza dell’autostrada hanno identificato il mezzo che aveva una vistosa ammaccatura sulla fiancata e il parabrezza danneggiato.

Il ventenne di Enna l’aveva portato in un’officina di Furnari per farlo riparare. Agli agenti avrebbe spiegato che non si era reso conto di aver investito una persona. Era convinto di aver impattato con un uccello. Ora rischia guai seri.

Rischia anche il giovane 23enne che è stato investito, ora ricoverato in rianimazione al Policlinico. La milza gli è stata asportata, il braccio sinistro tranciato nell’impatto che gli era stato ricucito è stato definitivamente amputato perché ieri sera dopo l’intervento ci sono state delle complicazioni. E’ in condizioni molto gravi ma stabili. Al momento è in coma farmacologico, gli investigatori sperano di poterlo presto sentire per capire cosa è accaduto. Perché i contorni della vicenda sono ancora tutti da chiarire.

Pare che il giovane fosse a bordo di un pullman che lo avrebbe dovuto portare da Roma a Milazzo. Si sarebbe addormentato ed avrebbe per questo saltato la sua fermata. Poi avrebbe preteso dall’autista di scendere in una piazzola di sosta e avrebbe cominciato a camminare a piedi sulla corsia di emergenza. Quando è stato investito, però, a giudicare dal fatto che è stato colpito sulla parte sinistra, stava percorrendola verso Barcellona. E questo è uno dei punti poco chiari.

La polizia al momento non si sbilancia. Nel comunicato ufficiale della denuncia del 20enne si parla di “circostanze ancora da chiarire”. Se davvero il ragazzo è sceso dal pullman, rischia conseguenze anche l’autista. Ma in questo momento sono solo ipotesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi