Forse per un fulmine

Portogallo: incendio nei boschi, almeno 62 morti

Il Papa: Vicinanza a caro popolo, preghiamo' Il governo di Lisbona ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale

Portogallo: incendio nei boschi, almeno 62 morti

Il Portogallo si è svegliato oggi in un incubo davanti alle immagini apocalittiche lasciate dietro di sé dal violento incendio che ha devastato le foreste attorno a Pedrogao Grande, 160 km a nord di Lisbona, facendo almeno 62 morti, ma il bilancio è ancora provvisorio. Ci sono anche una sessantina di feriti, alcuni in gravi condizioni.

La polizia giudiziaria ha escluso che ci sia una mano criminale dietro a questa tragedia.

L'incendio sarebbe divampato a causa di un fulmine caduto su un albero, in mezzo ad una vegetazione secca per la mancanza di pioggia da giorni. La diffusione fulminea delle fiamme è stata propiziata dalle alte temperature, sui 40 gradi, e da venti violenti fino a 200 chilometri all'ora.

Il governo di Lisbona ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale. Il segretario di stato agli interni Jorge Gomes ha precisato che due sono vittime indirette dell'incendio in quanto sono morte in un incidente stradale mentre fuggivano dalle fiamme. Sono 700 i pompieri impegnati nella lotta contro le fiamme attive ancora su quattro fronti, due ancora violenti.

I cadaveri di 30 persone sono stati trovati nelle auto distrutte dalle fiamme. Altri sono stati uccisi mentre cercavano di fuggire a piedi. Famiglie intere sono morte così. In due auto ferme in mezzo ad una strada in un bosco sono stati trovati i cadaveri di 9 adulti e di due bambini.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi