sisma

Il Papa: "Appena possibile andrò nelle zone colpite"

Neal'Angelus di oggi il Pontefice ha rivolto un messaggio alle popolazioni colpite dal terremoto

Papa Francesco a Paola già all’alba del 2016

"Cari fratelli e sorelle, appena possibile anch'io spero di venire a trovarvi, per portarvi di persona il conforto della fede e il sostegno della speranza cristiana". Lo ha detto papa Francesco oggi all'Angelus rivolgendosi alle popolazioni terremotate. "Desidero rinnovare la mia vicinanza spirituale agli abitanti del Lazio, delle Marche e dell'Umbria, duramente colpiti dal terremoto di questi giorni - ha affermato -. Penso in particolare alla gente di Amatrice, Accumoli, Arquata e Pescara del Tronto, Norcia".

Il Papa ha detto di voler portare alle popolazione colpite anche "l'abbraccio di padre e fratello". Ha poi invitato i fedeli di Piazza San Pietro a pregare "per questi fratelli e sorelle tutti insieme", recitando quindi un'Ave Maria.

"Ancora una volta dico a quelle care popolazioni che la Chiesa condivide la loro sofferenza e le loro preoccupazioni, prega per i defunti e per i superstiti".

"La sollecitudine con cui Autorità, forze dell'ordine, protezione civile e volontari stanno operando, dimostra quanto sia importante la solidarietà per superare prove così dolorose", ha aggiunto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi