Umbria Jazz

Spectrum Road a Perugia
omaggio a Tony Williams

Unico passaggio italiano, questa sera a Umbria Jazz, per Spectrum Road, superband di quattro soci alla pari, ma con Jack Bruce inevitabile star. Con l'ex bassista dei Cream il quartetto comprende l'ex chitarrista dei Living Colour, Vernon Reid, l'organista John Medeski e la muscolare batterista Cindy Blackman, che è anche la moglie di Carlos Santana.

Spectrum Road a Perugia
omaggio a Tony Williams

Gli Spectrum Road

Unico passaggio italiano, questa sera a Umbria Jazz, per Spectrum Road, superband di quattro soci alla pari, ma con Jack Bruce inevitabile star. Con l'ex bassista dei Cream il quartetto comprende l'ex chitarrista dei Living Colour, Vernon Reid, l'organista John Medeski e la muscolare batterista Cindy Blackman, che è anche la moglie di Carlos Santana.

 

Spectrum Road esiste da quasi quattro anni e solo due mesi fa ha pubblicato il primo disco. Non è stata fino ad oggi una band stabile. Lo stesso Bruce infatti si divide tra tanti altri progetti, e ci sono anche voci di una possibile reunion dei Cream per l'anno prossimo. Nonostante la precarietà il quartetto dopo numerose uscite live ha maturato una sua coesione, e si sente.

 

A dispetto della formula chitarra-organo-basso-batteria, che suggerisce generi piuttosto semplici del tipo jazz-rock, la musica non è per nulla di facile approccio, né 'leggera'. Il riferimento musicale di Spectrum Road è infatti il Lifetime di Tony Williams (Bruce ne fece parte). Il grande batterista lo formò all'indomani dello scioglimento del quintetto di Miles Davis, e non era certo tra le formazioni più orecchiabili del periodo. Il nome della band, Spectrum Road, è stato ripreso da un brano del disco di esordio di Lifetime, composto da John McLaughlin.

 

Oltre a suonare il suo basso elettrico fretless, Bruce canta in qualche brano, per esempio in There comes a time, e la voce con il passare dei decenni ha perduto la freschezza ma non la duttilità dei tempi dei Cream o dei primi lavori da solista come Harmony Raw; il musicista scozzese va ormai verso i settanta. La scaletta ripercorre per lo più i temi del disco: Vuelta Abajo, Coming back home, la lunga e suggestiva Where, il brano migliore, ed anche un vezzo che si prende Jack: cantare in gaelico una canzone tradizionale che in inglese si chiama The Isle of Mull. Né poteva mancare un "segno" dei Cream, e infatti, ecco Sunshine of your love. Il quartetto è all'altezza dei nomi, specialmente Vernon Reid, e sia l'energia che i decibel abbondano, ma l'impressione è che questa musica sia molto legata ai suoi tempi e talvolta denunci tutti i suoi 40 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi