Il caso

Ragazza uccisa a Roma. La Polizia: voltare le spalle è reato

Ragazza uccisa a Roma. La Polizia_ voltare le spalle è reato

Sara Di Pietrantonio e Vincenzo Paduano

 Non bisogna mai voltare le spalle a una richiesta di aiuto: "E' una norma non solo di civiltà, ma prevista dall’articolo 593 del codice penale". E’ quanto sottolinea la polizia di Stato, dopo il caso di Sara Di Pietrantonio, la studentessa bruciata viva in strada a Roma dall’ex fidanzato. L’omissione di soccorso vale anche quando non si è coinvolti in incidenti stradali, hanno spiegato le fonti. Secondo la pm di Roma, Maria Monteleone, ci sono state almeno due persone che hanno visto la ragazza chiedere aiuto e che non si sono fermate. Se lo avessero fatto "avrebbero potuto forse salvarle la vita".
La polizia indica anche quale comportamento tenere in situazioni come quella di Roma. Prima di tutto "chiamare i soccorsi, poi fermarsi se non vi è un rischio per la propria incolumità personale (come una rissa tra più persone armate). Se la persona che chiama non è esposta al pericolo è opportuno che resti sul posto per aggiornare al telefono gli operatori. Bisogna inoltre che sia in grado di essere lucida, capire la situazione e fornire tutte le informazioni in modo accurato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi