Vibo Valentia

L’addio di Soriano
a Filippo Ceravolo
ucciso per errore

Eseguita l’autopsia sul corpo del 19enne ricordato con un mazzo di fiori dagli ambulanti. Nel pomeriggio i funerali nella Chiesa di S. Domenico.

fiori sulla bancarella di ceravolo

Al posto della bancarella un mazzo di fiori, una foto e un biglietto: «Ciao Filippo». Così gli ambulanti del mercato settimanale di Vibo Valentia hanno ricordato, ieri, Filippo Ceravolo, 19 anni, commerciante incensurato di Soriano deceduto a causa delle gravi ferite riportate giovedì sera in un agguato. Discendente di una famiglia di ambulanti – che da quasi cento anni trasmette il mestiere da padre in figlio – il giovane ogni sabato sistemava con il padre la sua bancarella (con prodotti dolciari e frutta secca) sul corso principale di Vibo. Un posto ieri vuoto dove a parlare erano soltanto il mazzo di fiori e la foto del ragazzo. Intanto ieri nell’obitorio dell’ospedale Jazzolino il medico
legale, incaricato dalla Procura Distrettuale antimafia di Catanzaro, ha eseguito l’autopsia sul corpo del diciannovenne deceduto nella notte tra giovedì e venerdì in ospedale soprattutto per le gravissime ferite riportate alla testa. Esame che, iniziato intorno alle 13, si è concluso verso le 18,30 quando la salma del giovane è stata consegnata ai familiari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi