caso antoci

Lumia striglia
il sindaco di Cesarò

Il senatore Beppe Lumia: "Capisco la paura e spero che non sia altro, ma la reazione 'la mafia non esiste' è la più dannosa. Chi ama la propria comunità deve assumersi la responsabilità di guidare la lotta alla mafia, né può negare né tantomeno colludere.

Lumia striglia il sindaco di Cesarò

"Aiuto io, pertanto, il sindaco di Cesarò a fare i nomi dei boss del suo paese: Pruiti e Catanese. Inoltre, gli invierò ancora una volta la mia interrogazione dove sono indicati tutti i boss e gli affari in cui sono coinvolti, in modo tale che la si smetta da un lato di dare solidarietà ad Antoci e dall'altro di assumere atteggiamenti ambigui e codardi". Lo dice il senatore Lumia, componente della Commissione antimafia, commentando la dichiarazione del sindaco di Cesarò che in un'intervista ad un giornale on line afferma che l'agguato ad Antoci è da ascrivere non alla mafia ma alla delinquenza locale. "I nomi e cognomi a Cesarò - aggiunge - li abbiamo fatti due anni fa, quando al sindaco fu bruciata l'automobile, in una sala piena di cittadini. In quella sede, col presidente del Parco dei Nebrodi e tutti i rappresentanti delle istituzioni locali, assumemmo l'impegno di togliere i terreni ai mafiosi e di destinarli ai cittadini onesti". "Svegliarsi all'indomani dell'agguato ad Antoci - continua Lumia - e sminuire l'accaduto non è quello che ci si aspetta da un sindaco. Non è questo un comportamento da sindaco e da cittadino siciliano che vuole dare il proprio contributo per liberare il proprio territorio dalla mafia. Spero che anche altri sindaci non facciano lo stesso errore, come invece pare che stia accadendo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi

Arrestato carabiniere per droga

Arrestato carabiniere per droga

di Rosario Pasciuto