papa francesco

La Croce nelle vittime
del terrorismo

Nelle vittime del terrorismo, che "profana il nome di Dio", nei profughi che fuggono dalle guerre e magari concludono il loro cammino nell'"insaziabile cimitero" del Mediterraneo e dell'Egeo.

La Croce nelle vittimedel terrorismo

Nell'azione dei venditori di armi, che "danno ai loro figli da mangiare il pane insanguinato", dei corrotti, così come di chi distrugge la "casa comune" del creato. E' qui che per papa Francesco vediamo ancora oggi la Croce di Cristo, simbolo allo stesso tempo "dell'amore divino e dell'ingiustizia umana", "segno dell'obbedienza ed emblema del tradimento", "patibolo della persecuzione e vessillo della vittoria". E' quasi un grido l'accorata, e a tratti durissima, preghiera che papa Francesco ha composto di suo pugno per recitarla questa sera al termine della tradizionale Via Crucis del Venerdì Santo, in mondovisione dal Colosseo. Un evento cui non sono volute mancare migliaia e migliaia di persone, tra imponenti misure di sicurezza, e a cui hanno partecipato anche gli ex reali del Belgio, Alberto II e Paola, che hanno salutato il Papa a pochissimi giorni dai tragici attentati di Bruxelles. A portare la croce, nelle 14 stazioni accompagnate dalle meditazioni del cardinale di Perugia Gualtiero Bassetti sul tema "Dio è misericordia", oltre al cardinale vicario Agostino Vallini, anche persone di varie nazionalità, tra cui cinesi, russi, siriani, centrafricani. Ma è stata l'incalzante preghiera di Francesco, dal titolo "O Croce di Cristo!", a segnare anche a futura memoria questa Via Crucis del 2016, la quarta del suo pontificato. Ancora oggi la Croce la "vediamo eretta nelle nostre sorelle e nei nostri fratelli uccisi, bruciati vivi, sgozzati e decapitati con le spade barbariche e con il silenzio vigliacco", ha detto il Papa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta del Sud online

Caratteri rimanenti: 400

Le altre notizie

i più letti di oggi